Moto2: Meno squadre e piloti nella categoria intermedia per il 2020?

Riduzione di squadre e piloti in Moto2 nel 2020? Si starebbe valutando l'ipotesi di togliere qualche posto, in particolare a 'team controversi' e 'piloti paganti'.

17 luglio 2019 - 16:54

Siamo a metà della stagione 2019, ma da tempo si pensa già al 2020, con possibili importanti cambiamenti nella categoria intermedia. Un’eventualità riguarda la riduzione di piloti e squadre al via per il prossimo campionato, tramite una selezione più severa. In questo modo ballerebbero soprattutto i posti di team ‘controversi’ (vale a dire con difficoltà economiche o di risultati) e piloti paganti.

“Non possiamo soddisfare tutti i desideri dei team, anche perché nessuna squadra vuole farsi da parte.” Queste le parole pronunciate da un membro del comitato di selezione (composto da funzionari IRTA, Dorna e FIM), come riportato da Speedweek. “La domanda è molto alta. Abbiamo più di 30 piloti fissi nel Campionato del Mondo Moto2 nel 2019. A partire dalla prossima stagione vogliamo ridurre il numero a 28 piloti, o addirittura a 26.”

“Non possiamo rifiutare un secondo posto a squadre professioniste come Petronas o Gresini per altri che ottengono risultati negativi da anni” è il commento dal comitato di selezione. Alcune squadre infatti, come anche Tasca o Kiefer, corrono con un solo pilota nella stagione in corso o anche da varie annate, ma c’è richiesta per un secondo posto. Non è un segreto poi l’intenzione del Max Racing Team di approdare in Moto2, ma anche Avintia Racing starebbe pensando a lasciare la MotoGP per tornare nella categoria intermedia.

Ci sarebbe poi un altro obiettivo con questa possibilità, ovvero eliminare i piloti paganti. Un esempio è Xavier Cardelús, pilota titolare quest’anno con Angel Nieto Team. Sembra infatti che la cifra pagata alla squadra di Jorge Martínez per il posto mondiale sia piuttosto importante (oltre il milione di euro). Dopo aver disputato svariate wild card nel 2018, quest’anno ha esordito come pilota ufficiale. Finora ha sempre chiuso fuori dai punti, spesso in coda alla classifica.

Come detto, la stagione 2019 è solo a metà, ma si preannuncia un mercato piuttosto movimentato per quanto riguarda la prossima annata. Si attendono quindi novità per squadre e piloti, tra posti che potrebbero essere guadagnati o persi, cercando di far quadrare i conti e selezionando in maniera più ‘severa’ i partecipanti per il prossimo Campionato del Mondo.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Dani Pedrosa, più veloce con la KTM che con la Honda in Austria

motogp dovizioso

MotoGP, Andrea Dovizioso: “A Silverstone col morale alto”

Maverick Vinales

Maverick Vinales sfida Valentino Rossi, ma attenti a Quartararo