Luca Boscoscuro, Speed Up

Moto2: Luca Boscoscuro “La mia Speed Up è come una figlia”

Parla Luca Boscoscuro: l'ex pilota veneto costruisce e mette in pista la Speed Up. Secondo molti è la migliore Moto2 in pista

26 giugno 2019 - 14:23

La categoria Moto2 ha subito un completo rinnovamento quest’anno con l’introduzione del motore Triumph a 3 cilindri. Mentre KTM ammette di avere difficoltà a fornire un mezzo competitivo, spiazzata dai cambiamenti regolamentari introdotti a partire da quest’anno, la tedesca Kalex continua a rappresentare la maggioranza della griglia con una moto decisamente competitiva. Ancora più sorprendente, la piccola struttura italiana Speed Up, che mette in pista solo due mezzi, ha realizzato una Moto2 in grado di lottare per la vittoria, come aveva già fatto l’anno scorso con Fabio Quartararo o in precedenza con Andrea Iannone. Per chiarire il mistero di questa Speed Up SF19T, abbiamo intervistato Luca Boscoscuro, che ricopre il doppio ruolo di designer della moto e team manager del la squadra che la gestisce.

Luca, visto il suo passato, tutti pensano che la Speed Up abbia i geni Aprilia

“Come sai, ho lavorato per Aprilia!”

Hai solo 2 moto mentre Kalex ne ha circa 20 e tu a volte sei davanti.

“Non importa quante moto hai, hai bisogno del pilota più veloce per vincere (ride). Se non hai il rider, è impossibile vincere (ride). ”

Sì, ma per i costruttori a volte è meglio avere più dati …

“Sì, certo, ma tutto dipende dai dati che ricevi dai piloti. Ho dei piloti forti e naturalmente è la cosa migliore perché danno ottime informazioni; se i piloti sono due secondi più lenti degli altri, non hai bisogno delle loro informazioni.”

Chi progetta questa moto, chi la costruisce e dove?

“Lo stabilimento è a Vicenza, in Veneto, dov’è originaria la mia famiglia. La mia fortuna è che ho lavorato per Aprilia in passato. Prima a Derbi, poi ad Aprilia. Ecco perché è più facile per me costruire questa moto che è al 100% Speed Up. “

Progettate la moto da zero?

“Sì! Al 100%. “

Compresi telaio e forcellone in carbonio?

“Tutto, al 100%. Il primo forcellone in carbonio l’ho fatto nel 2011 e abbiamo iniziato a utilizzarlo durante la stagione 2012. Era un progetto Speed Up al 100%.”

Hai ricevuto un’offerta da KTM?

“(Ride) No, ma sono sicuro che KTM arriverà presto perché hanno un budget cospicuo e per arrivare in cima possono prendere ogni anno i migliori piloti. È un po’ come la Formula 1 dove la Red-Bull stava vincendo o era incredibilmente veloce, anche se ora è un po’ più difficile. Ma guarda Renault, Honda, Toyota o BMW: non importa chi siano, la chiave per vincere sono le persone che lavorano al progetto”.

Lavori anche con il famoso Eros Braconi. Puoi dirci alcune parole su di lui?

“È un capomeccanico molto forte. La banda Speed Up è una squadra solidale e quando vinciamo non è grazie a una sola persona: tutto il gruppo funziona molto bene. Eros e suo figlio hanno lavorato con me dal 2010 e hanno una grande esperienza in questa categoria, ma tutta la squadra, a poco a poco, passo dopo passo, ha migliorato la moto; a volte ha funzionato molto bene, a volte un po’ meno. Ma quello che è certo è che la vittoria va al gruppo, non a una persona. Ogni volta, è il gruppo! E per vincere, hai pure bisogno del pilota. L’anno scorso, quello che abbiamo fatto con Quartararo è stato il risultato di un lavoro di gruppo ma per me, in questa categoria, l’elemento più importante di tutti è il pilota. La moto arriva dopo! “

Fare una moto competitiva in solo 2 esemplari è una cosa rara …

“Per me, non è la quantità che conta, ma la qualità. Non è importante avere 20 motociclette, è importante avere le persone giuste che lavorano sui mezzi e i buoni piloti. Perché adesso, se non avessi Fabio Di Giannantonio e Jorge Navarro, sarebbe impossibile rimanere in testa. Questo è certo!

Conta più la moto o il pilota, in Moto2?

Per me, in Moto2, prima il pilota, poi la squadra, poi arriva la moto perché in questa categoria abbiamo tutti lo stesso motore e le stesse gomme. Certo, possiamo sempre commettere un grosso errore sul telaio, ma non è credibile perché tutti i costruttori in Moto2 sanno cosa stanno facendo. Questa è la mia opinione ed è per questo che non voglio mettere al primo posto la velocità. Vedi la stessa cosa in MotoGP con podi composti da Honda, Ducati, Suzuki e Yamaha, con moto completamente diverse. Per me è lo stesso, prima il pilota, poi la squadra, poi la moto”.

Tutto il paddock dice che la tua è la Moto2 migliore …

È mia figlia! (Ride) ”

Quindi non c’è nessun segreto sulla tua moto?

“(Ride) No! Il segreto è che il pilota lavora molto bene con la squadra. Le motociclette hanno molti setup e funzionano al meglio quando i piloti lavorano bene con il loro team. Basta!”

Se non c’è segreto sulla tua moto, possiamo scattare una foto da ogni angolazione?

Heuuuuu … No, non mi va tanto a genio. Prendila solo dalla parte anteriore, per favore.

Leggi qui l’articolo originale su Paddock-GP

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

pirro kymiring motogp

MotoGP, esordio al KymiRing. “Pista a tratti lenta, ma interessante”

Jorge Lorenzo

MotoGP: Parla il papà di Jorge Lorenzo “Ancora un anno con Honda”

Davide Brivio

MotoGP, Davide Brivio: “Valentino Rossi in Suzuki? Sono invenzioni”