raffin moto2

Moto2: Jesko Raffin sta meglio, rientro previsto a Misano?

Jesko Raffin si sta rimettendo in forma. Il manager: "Colpito da un virus." L'obiettivo è riuscire a rientrare in occasione del doppio round a Misano.

27 agosto 2020 - 17:33

NTS RW Racing GP potrebbe ritrovare Jesko Raffin in tempo per il doppio round a Misano. Condizionale però d’obbligo, visto che il pilota svizzero dovrà ottenere l’idoneità medica prima del GP Moto2. Sembra però che le sue condizioni fisiche ora siano nettamente migliorate e che stia lavorando per riuscire a rientrare a breve. Dominique Aegerter, che l’ha sostituito negli ultimi tre eventi, è libero quindi per tornare a difendere il suo attuale primato nel campionato MotoE.

“Jesko era stato colpito da un virus” ha spiegato il suo manager Marco Rodrigo, escludendo l’attualmente temuto coronavirus. “Ora sta di nuovo bene, anche se con le difese immunitarie a terra. Speriamo che sia in grado di superare il test per competere a Misano.” Lo ricordiamo, Jesko Raffin si era dovuto fermare prima della seconda gara in Spagna per un improvviso affaticamento fisico, oltre a qualche guaio circolatorio. Dopo tanti esami la causa è stata trovata ed il pilota NTS ha potuto lavorare per guarire e tornare in forma.

Saluta il team Dominique Aegerter, 21° a Brno e 12° in Austria (meglio del compagno di box Bendsneyder), prima di un problema tecnico in Stiria. “Ringrazio NTS e RW Racing GP per queste occasioni” ha dichiarato. “Un grosso augurio poi a Jesko Raffin per la sua completa guarigione, spero torni a correre già a Misano. Io sarò di nuovo pienamente concentrato sul mio campionato MotoE.” Tre le gare in programma sul suolo italiano, in cui il giovane rookie di Intact GP vuole continuare a distinguersi.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP: holeshot device, le prime tracce in un brevetto Ducati 2002

MotoGP, Valentino Rossi nel box Yamaha

Valentino Rossi e Ramon Forcada: la sfida continua… ma sarà diversa

MotoGP, Danilo Petrucci

MotoGP, Danilo Petrucci: “In Ducati la colpa è sempre del pilota”