Moto2: Il ritorno di Jonas Folger, tre gare con Petronas

Jonas Folger annunciato ufficialmente come sostituto di Pawi per le prossime tre gare. Una sfida per il tedesco, che non disputa un GP da quasi due anni.

7 giugno 2019 - 12:22

L’avevamo annunciato già ieri, ma oggi arriva l’ufficialità da parte di Petronas Sprinta Racing. Sarà Jonas Folger a sostituire l’infortunato Khairul Idham Pawi per le prossime tre gare, vale a dire a Barcellona, ad Assen ed al Sachsenring. Vista l’indisponibilità di Mattia Pasini, KO dopo la frattura di una clavicola in allenamento, la squadra malese ha deciso di puntare sull’attuale tester europeo per Yamaha.

Una sfida particolare per il pilota tedesco, che non disputa una gara dalla tappa ad Aragón del 2017. Allora in MotoGP con Monster Yamaha Tech 3, Folger si è dovuto fermare per problemi di salute, ritornando in sella ad una moto solo molto tempo dopo. Dopo qualche test privato per Triumph e KALEX, per quest’anno è stato ingaggiato come collaudatore europeo per Yamaha. Ecco ora l’occasione di essere di nuovo un pilota e di misurarsi nuovamente in più di un Gran Premio.

“Sono felice di avere questa opportunità” ha dichiarato Jonas Folger. “Non vedo l’ora di ritrovare quelle sensazioni. Petronas Sprinta Racing è un team professionale in tutte le categorie e conosco anche qualcuno della squadra. Ho bei ricordi di Barcellona, come alcuni podi e giri veloci realizzati in passato. Si tratta di uno dei miei circuiti preferiti, che si adatta al mio stile di guida.”

“La KALEX è una moto molto divertente da guidare ed il motore Triumph fa sì che ci si senta più vicini ad una MotoGP” ha continuato il neo pilota Petronas. “Si adatta bene a me ed al mio stile di guida, non sono andato poi così male nel corso dei test. Non vedo l’ora di tornare in sella a questa moto!”

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

motorland aragon

MotoGP, Aragón: Gli orari del GP, diretta Sky Sport e TV8

Claudio Domenicali

MotoGP, Domenicali: “Marquez +93? Dietro Dovizioso 20 piloti”

Jorge Lorenzo a Misano

MotoGP: Jorge Lorenzo, non c’è luce in fondo al tunnel