sam lowes moto2

Moto2 GP Jerez, Prove 2: Sam Lowes è il migliore del venerdì

Sam Lowes mette il suo sigillo nelle FP2 e nel venerdì Moto2 a Jerez. Seguono Remy Gardner e Jake Dixon, Bezzecchi 4° e miglior italiano.

30 aprile 2021 - 15:59

Sam Lowes risponde a Remy Gardner. Il pilota britannico piazza il miglior crono del secondo turno di libere e del venerdì, rispondendo al best lap dell’australiano della prima sessione di libere. L’alfiere Red Bull KTM Ajo sembrava vicino a chiudere davanti anche le FP2 Moto2, prima di essere sopravanzato dal pilota Elf Marc VDS, mentre in terza piazza c’è Jake Dixon seguito da Marco Bezzecchi. Provvisoriamente in Q2 anche i nostri Fabio Di Giannantonio, Nicolò Bulega e Stefano Manzi.

Prove libere 2

A referto una caduta per il rookie Cameron Beaubier, fortunatamente senza conseguenze, mentre in breve Raúl Fernández si piazza al comando della classifica dei tempi. Ma non ci resta così a lungo, visto che si fanno notare anche Roberts, Vierge, Lowes, Di Giannantonio… Mentre abbiamo anche il secondo incidente del weekend per Vietti (che evita di un soffio il collega Bezzecchi), a cui seguono le scivolate di Lüthi e Garzó. Corre un bel rischio invece Canet, costretto ad un po’ di “offroad” senza ulteriori conseguenze.

A lungo è Lowes a comandare la classifica dei tempi, finché negli ultimi minuti non si verificano svariati stravolgimenti. Purtroppo c’è anche il secondo incidente in due turni per la wild card Marcon, mentre scalano la classifica Remy Gardner, Dixon, c’è anche Bezzecchi… Sembra il pilota Red Bull KTM Ajo il migliore, ma all’ultimo Sam Lowes si riprende la prima casella, con Jake Dixon autore del terzo miglior tempo.

La classifica FP2

La classifica combinata

Foto: motogp.com

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Paolo Ciabatti e Jack Miller

MotoGP, Ducati: al Mugello è tempo di annunci. VR46 resta un’incognita

filip salac moto3

Moto3: Filip Salac, finalmente il podio! “Momento atteso per anni”

Oliveira KTM MotoGP

MotoGP, Miguel Oliveira: “I risultati non rispecchiano il nostro potenziale”