moto2 gp san marino 2021

Moto2: dal tris azzurro 2020 al podio senza italiani nel GP San Marino

GP di San Marino senza italiani sul podio solo in Moto2. È la quinta volta che succede a Misano, la 10^ includendo la 250cc. Rivediamo i precedenti.

22 settembre 2021 - 12:00

Delle quattro categorie in azione lo scorso weekend a Misano (MotoE quindi compresa), la Moto2 è l’unica che ha chiuso il Gran Premio di San Marino senza nemmeno un italiano sul podio. Ricordando la festa grande del doppio evento 2020 disputato su questo tracciato, è un bel cambiamento in negativo. Se vogliamo l’ennesimo simbolo di una stagione piuttosto complessa per i nostri portacolori in classe intermedia. Guardando i precedenti su questa storica pista, è la quinta volta che registriamo un podio senza piloti italiani nella nuova categoria. Un numero che sale a 10 se comprendiamo anche gli eventi della storica ed ormai defunta quarto di litro disputati su questo tracciato. Rivediamoli.

I Gran Premi 250cc 

La prima occasione risale al Gran Premio di San Marino del 1986. Arriva la prima ed unica vittoria mondiale di Tadahiko Taira, una Yamaha a precedere un quartetto tutto Honda, in primis Sito Pons e Dominique Sarron. Dei nostri portacolori, zona punti per Fausto Ricci 5° e Virginio Ferrari 8°. Passiamo poi al biennio 1989-1990, ultime edizioni con la denominazione GP delle Nazioni, iniziando dal secondo trionfo stagionale di Sito Pons nell’annata del suo ultimo iride. Con lui sul podio ci sono il celebre ‘gomitista’ Jean-Philippe Ruggia e Jacques Cornu (primo podio stagionale), dei nostri spicca la wild card Marcellino Lucchi in 6^ piazza. L’anno dopo registriamo il successo del poi campione del mondo John Kocinski (con hat-trick), a precedere quattro Honda capitanate da Helmut Bradl e Wilco Zeelenberg. Il migliore è di nuovo Lucchi 9°, con Loris Reggiani al seguito, più altri tre italiani in zona punti (e ultimi non-doppiati). Passa parecchio tempo prima di ritrovare un podio senza italiani a Misano in questa categoria. Tocchiamo precisamente il biennio 2007-2008, nuovamente Gran Premio di San Marino. Il poi campione Jorge Lorenzo trionfa davanti a Hiroshi Aoyama ed a Hector Barberá, l’anno dopo si impone Alvaro Bautista su Yuki Takahashi e nuovamente Barberá. In entrambi i GP il miglior italiano è Roberto Locatelli, rispettivamente 7° e 4°, aggiungiamo il sammarinese Alex De Angelis 5° nel 2007.

I Gran Premi Moto2

La nuova categoria sostituisce ufficialmente la 250cc nel 2010 e da allora abbiamo ben cinque podi a Misano senza nostri rappresentanti. Andiamo con ordine, cominciando proprio da quell’infausto primo anno: la vittoria in gara, non interrotta nonostante il fatale incidente di Tomizawa, va a Toni Elías su Julián Simón e Thomas Lüthi, il migliore dei nostri è Simone Corsi 4°. La seconda occasione si verifica nel 2013, con Pol Espargaró lanciato verso il suo iride e vittorioso su Takaaki Nakagami e Tito Rabat. Mattia Pasini 11° è l’unico italiano presente in zona punti. L’anno dopo stesso discorso, con il poi campione Tito Rabat vincente sul compagno di box Mika Kallio e su Johann Zarco, Franco Morbidelli 7° e migliore dei nostri. Anche nel 2015 trionfa il pilota che diventerà poi campione del mondo: si tratta di Johann Zarco, a segno davanti a Tito Rabat ed a Takaaki Nakagami, con Simone Corsi appena giù dal podio. Finiamo la carrellata con l’edizione appena conclusa del GP di San Marino. Ennesima doppietta KTM Ajo con Raúl Fernández vincente sul leader iridato Remy Gardner, terza piazza per Aron Canet. Per i nostri, il migliore è Marco Bezzecchi 5° al traguardo.

Jonathan Rea “In Testa, la mia autobiografia” In vendita anche su Amazon Libri

Foto: motogp.com

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

motogp misano

MotoGP verso Misano-2: tutti gli orari TV su Sky Sport, DAZN e TV8

motogp valentino rossi

MotoGP: folla e poster dedicato per salutare Valentino Rossi a Valencia

Andrea Iannone ex pilota MotoGP

MotoGP, Andrea Iannone su Rai1: “Sono un uomo che vive di sfide”