canet moto2

Moto2, Aron Canet best rookie: “Peccato per la gara, nel 2021 obiettivi più alti”

Un bel botto in qualifica, una sanzione per jump start, ma Aron Canet può sorridere: dopo Portimao è lui il miglior rookie 2020. "Era uno dei nostri obiettivi."

24 novembre 2020 - 16:26

Un ultimo GP Moto2 piuttosto movimentato per Aron Canet. Non ancora al 100% fisicamente dopo alcune recenti lesioni, si è reso protagonista di un brutto incidente in qualifica. Si aggiunge poi la partenza anticipata in gara, che porta una sanzione e che di conseguenza poteva costargli il titolo di miglior esordiente dell’anno. Ma non è successo: la caduta del rivale Garzó l’ha certo aiutato, arriva un bel riconoscimento nella sua prima annata nella classe intermedia. Un primo passo verso obiettivi più alti per il 2021.

Queste immagini hanno fatto venire non pochi brividi a tutti. “Ho visto la Vergine, mi sono davvero spaventato” ha ammesso Canet in seguito al botto. “Alla fine siamo riusciti a ripartire nei minuti finali, ho stampato un bel tempo dopo la caduta, con i battiti ancora abbastanza alti.” La bella notizia è stata appunto che il pilota spagnolo ne è uscito senza un graffio. Conquista così la 15^ casella in griglia, quattro dietro a Hector Garzó, risalito a -3 in classifica dei rookie e pronto a dare fino da torcere per il titolo.

Il GP si complica subito: jump start per Canet, compare una doppia Long Lap Penalty come sanzione in questi casi. La caduta del rivale, che si manteneva stabilmente in top ten, gli semplifica molto le cose. Infine arriva un 15° posto finale, il suo peggior risultato stagionale nelle gare completate, ma è sufficiente. Ricordiamo che ha a referto due ritiri per cadute (uno quando si trovava in zona podio), più tre GP saltati per infortunio ad un dito. Spiccano due quinti posti come migliori risultati, due dei sette piazzamenti in top ten ottenuti.

Sono contento di finire la stagione da rookie dell’anno” ha dichiarato Aron Canet a GP concluso. “Era uno dei nostri obiettivi stagionali. Sono un po’ dispiaciuto però per il problema accusato in gara: mi sono mosso in griglia e mi hanno sanzionato con due Long Lap Penalty. Ma l’anno prossimo avremo obiettivi più alti.” Rimarrà sempre in Aspar Team, affiancato questa volta dal rookie Albert Arenas, fresco campione Moto3. Certo ci saranno grandi speranze riposte in lui nel 2021.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

quartararo vinales motogp

MotoGP: Yamaha, tre vittorie nei primi 3 GP. L’ultima volta fu nel 2010

MotoGP, Stefan Bradl

MotoGP, Stefan Bradl: “Rispettiamo la passione di Valentino Rossi”

MotoGP, Aleix e Pol Espargaro

MotoGP, Pol Espargarò: “Sono pilota grazie a mio fratello Aleix”