Moto2: Alex Márquez in pole position a Silverstone

Alex Márquez conquista la pole anche a Silverstone, oltre al nuovo record della pista. Prima fila tutta spagnola con Navarro e Fernández.

24 agosto 2019 - 17:01

Sul tracciato di Silverstone è Alex Márquez a conquistare la prima casella in griglia. Con un tempo di quasi due secondi migliore rispetto al precedente record assoluto di Lowes, il leader iridato cercherà un ulteriore allungo in ottica iridata. La pole position è un primo passo. La prima fila è completamente spagnola: accanto a Márquez ci sono Jorge Navarro e Augusto Fernández. Caduta finale per Thomas Lüthi, miglior italiano Luca Marini 6°.

La Q1 per i piloti rimasti fuori dalla top 14 inizia con qualche problema: Cardelús e Roberts sono protagonisti di un incidente alla Luffield. Quanto successo finisce subito sotto investigazione. Grosso rischio per Lecuona, che viene quasi ‘disarcionato’ dalla sua moto, ma lo spagnolo è provvisoriamente in Q2. Alla fine sarà Marcel Schrötter a passare con il miglior tempo in questo turno, seguito da Brad Binder, Iker Lecuona e Stefano Manzi. Appena fuori dalla top 4 Jorge Martín, 10° posto per Marco Bezzecchi (24° casella in griglia).

Diciotto piloti in azione in questa seconda sessione di qualifiche: si lotta per la pole position sul tracciato di Silverstone. In pochi minuti il record stampato in mattinata da Navarro è dimenticato: ci pensa Fernández, che passa al comando davanti al leader iridato Márquez, mentre Lüthi cade alla Village. Lo spagnolo di EG 0,0 Marc VDS riesce a realizzare un gran giro, portandosi in testa e mantenendo la prima piazza fino alla bandiera a scacchi. Alex Márquez si assicura la pole position sul tracciato britannico, una prima fila tutta spagnola completata da Jorge Navarro e da Augusto Fernández.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Alex Marquez e suo fratello Marc

MotoGP, Alex Marquez: “Mio fratello Marc di un altro livello”

dalla porta test jerez

Moto2-Moto3, Test Jerez: Primo giorno sul bagnato

Valentino Rossi Test MotoGP Valencia

Valentino Rossi: “L’anno scorso avevamo tre motori, ora idee più chiare”