Moto2/3, le novità nei test privati a Barcellona

Chiusi due giorni di test privati per Moto2 e Moto3 (più Miller) a Barcellona. Ecco gli ultimi aggiornamenti portati in pista dai piloti presenti.

23 maggio 2019 - 17:18

Il Gran Premio di Francia si è concluso ormai da qualche giorno, ma Moto2 e Moto3 non hanno mai smesso di lavorare. Undici squadre della categoria intermedia e nove della categoria minore si sono ritrovate martedì e mercoledì sul Circuit de Barcelona-Catalunya per svolgere una sessione di test privati. La prima giornata è stata più breve a causa della pioggia, nella seconda i lavori si sono conclusi senza intoppi. Attivo in questi due giorni a Barcellona anche Jack Miller, in pista in sella ad una Ducati Panigale V4 R.

TANTE PROVE IN MOTO2

Alex Márquez (EG 0,0 Marc VDS) ha testato alcuni nuovi pezzi KALEX e Öhlins, oltre a differenti forcellone, forcella e sospensioni. L’obiettivo del pilota spagnolo, protagonista anche di una scivolata martedì mattina, è migliorare la velocità in curva in sella alla sua moto. Presente anche il compagno di squadra Xavi Vierge, che si è concentrato soprattutto sulla ricerca del giusto feeling al posteriore. Da sottolineare come buona parte dei piloti KALEX abbia anche provato un nuovo chassis.

In azione Dynavolt Intact GP al completo, con Thomas Lüthi e Marcel Schrötter alla ricerca di un buon set up e di un feeling positivo perduto in Francia. Si continua sulle ultime novità in casa KTM: Brad Binder e Jorge Martín (Red Bull KTM Ajo), assieme a Marco Bezzecchi (Red Bull KTM Tech 3), hanno corso a Le Mans con un nuovo telaio. Tutti e tre i piloti sono tornati in pista a Barcellona in particolare (ma non solo) con questo aggiornamento, con l’obiettivo di ridurre il gap dai rivali KALEX, importante in questo inizio di stagione.

IN PISTA ANCHE BALDASSARRI

La sorpresa maggiore è stata rivedere già in pista Lorenzo Baldassarri. Reduce da una lussazione ad una spalla e da una commozione cerebrale, il leader iridato ha disputato la seconda giornata di test con il team di Pons, accanto al collega Augusto Fernández. Presente la squadra di Gresini con Sam Lowes, autore di ben 184 giri, alla ricerca di maggior grip al posteriore. Tanto lavoro in MV Agusta, impegnato soprattutto a testare nuovi componenti aerodinamici. Ben 154 i giri messi a referto da Dominique Aegerter, la metà dal collega Stefano Manzi, condizionato anche da due cadute.

In pista anche Mattia Pasini, chiamato anche al Mugello a sostituire l’infortunato Pawi in Petronas Sprinta Racing, e quindi attivissimo per adattarsi al meglio alla moto in vista della tappa di casa. ‘Paso’ ha lavorato in particolare sulla configurazione del telaio, oltre a trovare significativi miglioramenti per quanto riguarda la stabilità in frenata ed in curva. Non sono mancati poi Speed ​​Up, Sky Racing VR46, SAG Racing e Honda Team Asia con tutti i propri piloti.

LE NOVITA’ IN MOTO3

Passiamo ora alla categoria Moto3. In azione Petronas Sprinta Racing, reduce dalla prima vittoria iridata con John McPhee. Lo scozzese ed Ayumu Sasaki si sono concentrati su piccole modifiche sulla geometria delle moto, oltre a forcella anteriore ed ammortizzatore posteriore. Estrella Galicia 0,0 con Alonso López (non al top della forma per l’incidente di domenica) e Sergio García ha lavorato sul set up alla ricerca di maggiore competitività. Oltre a loro, presenti anche Leopard Racing, Gresini, Sky VR46, Red Bull KTM Ajo, BOE Skull Rider, VNE Snipers.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Johann Zarco

Johann Zarco: “Volevo finire la stagione, mi hanno spezzato il cuore”

digiannantonio fernandez speed up misano

Moto2: Speed Up presenta ricorso per il risultato di Misano

SKY RACING TEAM VR46 - 2020 SEASON 02

Sky VR46 2020: Marini-Bezzecchi in Moto2, Vietti-Migno in Moto3