moto2 catalunya

Moto2/250cc: da Biaggi a Marini, le vittorie (italiane e non) in Catalunya

Il primo vincitore del GP di Catalunya è stato Biaggi, l'ultimo è Marini. In mezzo, tra 250cc e Moto2, anche Rossi, Dovizioso, oppure Kato, Pedrosa, Lorenzo... Tutti i nomi.

2 giugno 2021 - 18:32

Gran Premio di Catalunya che non sembra sorridere troppo ai nostri portacolori in Moto2. Solo due i successi ottenuti dal 2010 al 2020, rispettivamente nella terza edizione della nuova classe intermedia e nell’ultima svolta. Ne contiamo invece qualcuna in più quando la categoria si chiamava 250cc. Rivediamo tutti i precedenti di questo appuntamento al Montmeló, cominciando con i ragazzi italiani, ma rivedendo anche i nomi degli “altri”.

Moto2, 2010-2020

Come anticipato, sono solo due i successi italiani in questa categoria come la conosciamo attualmente. Inizia Andrea Iannone, che nel 2012 riesce ad avere ragione di Lüthi solo al traguardo, battendolo per 83 millesimi e conquistando il successo. Prima di lui i successi sono di Yuki Takahashi (2010) e di Stefan Bradl (2011). L’ultimo nostro vincitore è stato Luca Marini, autore della pole position ed in trionfo nell’edizione 2020 davanti a Lowes ed a Di Giannantonio. In mezzo ai nostri due portacolori ci sono, andando in ordine cronologico, Pol Espargaró, Tito Rabat, due volte Johann Zarco, Alex Márquez, Fabio Quartararo ed ancora il minore di casa Márquez.

250cc, 1996-2009

La prima edizione di questo Gran Premio è una festa per i colori italiani. Ci pensa Max Biaggi, che mette a referto la tripletta pole position-vittoria-giro veloce al Montmeló. Due stagioni dopo ecco il primo di quelli che saranno due trionfi consecutivi (1998-1999) firmati da Valentino Rossi, sempre con annesso giro veloce in gara. È il 2002 quando ritroviamo un italiano sul gradino più alto del podio: il suo nome è Marco Melandri, che fa risuonare l’inno di Mameli sul tracciato catalano. Anzi, è doppietta tricolore col secondo posto di Roberto Rolfo. Balzo in avanti di quattro anni ed ecco trovare Andrea Dovizioso, vincitore in una favolosa battaglia. Il suo primo successo di categoria infatti arriva per appena 95 millesimi su Lorenzo e per 4 decimi su De Angelis. L’ultimo della lista è Marco Simoncelli, che solo all’ultima curva riesce ad avere ragione di Bautista, sfruttando un errore del rivale.

I non-italiani in 250cc 

Abbiamo citato i nostri, vediamo anche gli altri. Nel 1997 il successo va a Ralf Waldmann, autore della tripletta pole position-vittoria-giro veloce, con Biaggi in seconda piazza. Andiamo all’anno 2000 ed ecco Olivier Jacque, in una giornata condizionata da pioggia e numerosi incidenti. Segue l’anno successivo un hat-trick di Daijiro Kato, con Harada e Rolfo a completare il podio, mentre nel biennio 2003-2004 trionfa Randy De Puniet (con annessa pole position). Passiamo alla stagione 2005 ed ecco un’altra tripletta, che stavolta porta la firma di Dani Pedrosa, con Stoner e Dovizioso a podio. Due anni dopo ci pensa Jorge Lorenzo a mettere il suo sigillo, seguito da De Angelis e Dovizioso, la lista si conclude con Alvaro Bautista, vincitore con margine su Aoyama e Barberá.

Jonathan Rea “In Testa, la mia autobiografia” In vendita anche su Amazon Libri

Foto: motogp.com

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

motogp austin cota

MotoGP, il circuito di Austin ed i lavori necessari per il GP 2022

MotoGP: arriva la Suzuki GSX-RR del titolo 2020… in miniatura

Jorge Lorenzo MotoGP

Jorge Lorenzo: test con la Porsche GT3, mano tesa a Valentino Rossi