Lorenzo Dalla Porta nuovo leader Moto3: “Vittoria che vale doppio”

Lorenzo Dalla Porta trionfa al Sachsenring, scalando la classifica iridata e diventando il nuovo pilota di riferimento. "Non potevo chiedere di più".

8 luglio 2019 - 9:45

Ottavo vincitore diverso in nove GP finora disputati, Lorenzo Dalla Porta ha messo il suo sigillo anche in questa stagione. Il pilota Leopard Racing, già vincitore a Misano 2018, ha conquistato il secondo successo in carriera, ma questo ha un peso ben più importante. Dalla Porta si concede il lusso di andare in vacanza per la prima volta da leader iridato, scalzando Aron Canet (3° in gara) per due punti.

In una giornata deludente per i colori azzurri, il giovane pilota di Prato brilla nella categoria minore del Motomondiale. Scattato dalla quarta casella in griglia, è fin da subito protagonista della lotta per la zona podio. Tante volte quest’anno aveva cercato il primo successo stagionale, senza riuscire a sfruttare a suo vantaggio la parte finale di gara (lo testimoniano i quattro secondi posti finora conquistati). Al Sachsenring ecco invece lo spunto giusto e la prima importante vittoria del 2019.

Incontenibile la gioia di Dalla Porta alla bandiera a scacchi, festeggiato in primis dal compagno di squadra Ramírez, che completa la giornata di gloria di Leopard Racing con il secondo posto. Al parco chiuso la squadra non è da meno: come detto, una giornata perfetta, con la doppietta dei propri piloti su un tracciato difficile come quello tedesco. Leopard Racing poi torna in testa al campionato del mondo per la prima volta dal 2017, quando ha vinto il titolo con Joan Mir.

“Sono al settimo cielo” ha dichiarato Lorenzo Dalla Porta. “Era una vittoria che cercavo e per me vale doppio. Il Sachsenring non mi piace molto e la gara è stata molto difficile in certi momenti. Giro dopo giro dovevo spingere sempre di più e, ad essere sincero, non mi aspettavo di vincere. Questo è il miglior risultato possibile dopo i podi conquistati, oltre che il miglior modo per andare in vacanza. La squadra ha fatto un lavoro incredibile, sono come una famiglia e non potrei chiedere di più.”

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoE, Aki Ajo: “L’intensità della competizione è stata una rivelazione”

Carlo Pernat: “La MotoGP ha bisogno di Valentino Rossi”

Graziano Rossi: “Vorrei vedere Valentino correre per sempre”