sasaki oncu moto3

Hervé Poncharal: “La Moto3 è una categoria folle, mi piace molto”

Hervé Poncharal soddisfatto della prima stagione Moto3, oltre che dei confermati piloti Sasaki e Öncü. "Un'ottima categoria da seguire. Un sogno? Vincere!"

15 febbraio 2021 - 17:22

L’anno scorso l’esordio Moto3 per il team di Hervé Poncharal, dopo aver chiuso il progetto Moto2. Il boss di KTM Tech3, dopo la presentazione della sua squadra in MotoGP, ha avuto anche l’occasione per tracciare un bilancio della prima annata disputata nella entry class. In questo 2021 si riparte sempre dallo stesso duo di piloti, ovvero Ayumu Sasaki e Deniz Öncü: una mossa all’insegna della continuità, con l’obiettivo di puntare molto in alto.

“La Moto3 è una categoria folle, vero?” ha scherzato Poncharal, come raccolto dai colleghi di Paddock-GP. Per poi spiegare come è avvenuto il cambio. “Quando il signor Pierer mi ha detto a Spielberg nel 2019 ‘Fermiamo la Moto2 ed andiamo in Moto3’, ho detto ‘Sì, voglio farlo!’. Non perché non mi piacesse la classe intermedia, ma perché era una sfida emozionante. È un’ottima categoria da seguire per un team manager e mi piace molto. Abbiamo moto competitive e piloti molto bravi.”

Nello specifico, riguardo alla sua coppia di piloti, “Ayumu [Sasaki] ha quasi vinto una gara e Deniz [Öncü] è un ragazzo di grande talento che ha ottenuto una top 6. Avrebbe potuto fare anche meglio, ma si sa che è una categoria è molto combattuta. Abbiamo quindi deciso di mantenere i nostri due piloti. Si è creata un’ottima atmosfera nel team e chiaramente l’obiettivo è fare meglio.” Un sogno? “Vincere nella categoria Moto3. Crediamo molto in Ayumu e Deniz!”

Jonathan Rea “In Testa, la mia autobiografia” In vendita anche su Amazon Libri

Foto: Tech3 Racing

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

sasaki moto3

Moto3, Ayumu Sasaki sulla via del ritorno al Red Bull Ring

MotoGP, Razlan Razali e Carmelo Ezpeleta

MotoGP, Petronas: spunta un nome per il dopo Valentino Rossi

MotoGP, Danilo Petrucci

MotoGP, Danilo Petrucci-KTM: in Austria la triste sentenza