Di Giannantonio e Bastianini, arriva a Brno il primo podio Moto2

Gran Premio emozionante per i rookie Fabio Di Giannantonio ed Enea Bastianini, grandi protagonisti a Brno con il 2° e 3° posto al traguardo.

5 agosto 2019 - 12:16

A Brno ha vinto un pilota spagnolo, ma sul podio Moto2 c’è stato anche un doppio tricolore. Fabio Di Giannantonio ed Enea Bastianini, all’esordio quest’anno nella categoria intermedia, hanno davvero brillato nella gara in Repubblica Ceca. Il primo ha cercato di tenere il ritmo di un imprendibile Alex Márquez, il secondo ha lottato a lungo per il terzo gradino del podio, riuscendo alla fine ad avere la meglio su Navarro. Bellissimo l’abbraccio al parco chiuso tra i nostri due portacolori, entrambi particolarmente emozionati per i risultati raggiunti.

Partiamo da Fabio Di Giannantonio. Il pilota Speed Up, apparso molto rapido fin dal primo giorno a Brno, scattava dalla quinta casella in griglia. Da subito si pone come principale rivale del poleman Márquez, riuscendo anche a tenerne il ritmo per un po’, prima di doversi arrendere. Rimane un 2° posto di gran valore, come dimostra il largo sorriso mostrato a gara conclusa. “Sono contentissimo! Mi sono davvero divertito. Pensavo di poterla vincere, e c’ho pure provato inizialmente, ma poi, quando ho visto che il passo di Alex era molto buono, non ho voluto rischiare. Nella prima parte di stagione siamo cresciuti, ora ho maggiore consapevolezza e abbiamo raggiunto il primo di tanti traguardi. Ne siamo davvero fieri.”

Enea Bastianini lo aveva detto poco prima di partire per il Gran Premio: “L’obiettivo è arrivare sul podio.” Detto, fatto: dopo una qualifica piuttosto complessa (18° in griglia), ‘Bestia’ ha messo tutta la grinta per realizzare una grande rimonta. È arrivato poi a ridosso di Marini, Bulega, Schrötter e Navarro, che precedentemente stavano lottando per l’ultimo gradino del podio. Giro dopo giro è riuscito a superarli tutti, chiudendo di un soffio davanti al pilota Speed Up. Evidente l’emozione del pilota Italtrans al parco chiuso: una grande rimonta premiata con il primo podio in Moto2. “Questo podio è una liberazione, rappresenta un obiettivo raggiunto! Una gara bellissima” ha commentato a gara conclusa.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Johann Zarco

MotoGP, Zarco: “Dopo l’addio di Lorenzo il vento è cambiato”

MotoGP, Fabio Quartararo e Maverick Vinales

MotoGP, Yamaha mea culpa: “Sull’elettronica abbiamo sbagliato”

tony arbolino mugello 2019

Tony Arbolino, la vittoria al Mugello diventa un tatuaggio