Andrea Dovizioso e Danilo Petrucci

Danilo Petrucci: “Dovi ed io diamo il massimo, ma non basta”

Danilo Petrucci e Andrea Dovizioso al lavoro con l'obiettivo di provare a battere Marc Marquez ancora una volta: "L'obiettivo è provare a infastidirlo".

23 luglio 2019 - 15:46

Dopo un lungo silenzio di oltre due settimane Andrea Dovizioso ritorna a farsi vivo sui social, con un’immagine e poche parole che la dicono lunga sullo stato d’animo del vicecampione iridato. Dopo l’opaca prestazione del Sachsenring, con quel quinto posto che ha spinto a far risuonare il campanello d’allarme, il ‘Dovi’ non può permettersi altri errori. A cominciare dalle prossime tappe in Repubblica Ceca e Austria, tracciati favorevoli alla Desmosedici GP. “Le vacanze estive significano più tempo per allenarsi“, ha commentano Andrea Dovizioso. “Nella pausa estiva non ci si ferma“.

Periodo ternano per Danilo Petrucci

Per i due alfieri Ducati gran parte delle vacanze è trascorsa nelle rispettive città natali, a contatto con amici e familiari. Come il caso di Danilo Petrucci, tornato nella sua amata città di Terni. Petrux da diversi mesi ha stabilito la residenza a Forlì per stare a stretto contatto con Dovi, allenarsi insieme e accelerare il ‘processo di coscienza’ con la GP19. “Finora è stato un grande anno, il culmine è la vittoria al Mugello, la gara prima e quella dopo ho fatto un podio. Siamo vicini al secondo posto nel Mondiale. L’obiettivo è provare a infastidire Marquez“, ha ammesso Danilo a TGR Umbria alcuni giorni fa.

Per compiere un ulteriore step serve uno sforzo in più da parte dei tecnici di Borgo Panigale, soprattutto per quel che concerne la percorrenza a centro curva. “Ducati sta lavorando molto a casa, non è andata in vacanza. Io e Dovi abbiamo dato il massimo e non basta. Siamo gli unici due ad aver battuto Marc e dobbiamo impegnarci ancora di più per farlo ancora“. La stagione 2019 resta da incorniciare per Danilo Petrucci, attualmente terzo in classifica, a sei lunghezze da Andrea. “La mia è una carriera atipica, ci ho messo molti anni per impormi. La differenza l’ho fatta nel 2015 quando Pramac mi ha dato la possibilità di correre con una MotoGP vera. Ho iniziato a fare dei podi, quest’anno ce la giochiamo per la top-3. E’ stata dura resistere, quando arrivi nell’acquario dei pesci più grossi come Stoner, Pedrosa, Lorenzo, Rossi… mano mano mi sono messo lì in mezzo, ho sempre voluto fare questo“.

Tempo di rimettersi al lavoro anche per il pilota umbro, dopo un periodo di relax nella sua città, dove conta di poter realizzare qualche piccolo obiettivo sociale. “Sono tornato a Terni per rivedere un po’ di amici e la famiglia. Negli ultimi mesi ho vissuto a Forlì, ma voglio bene ai ternani. Con alcuni imprenditori cercheremo di avvicinare i ragazzi al mondo delle moto – ha concluso Danilo Petrucci – e non solo agli smartphone“.

 

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Valentino Rossi

Valentino Rossi: “Sul motore servono gli ingegneri giusti”

kasma daniel kasmayudin moto2

Moto2: SAG Team, cambio di rotta. Arriva Kasmayudin nel 2020

Valentino Rossi e Fabio Quartararo

Quartararo, Petrucci, Rossi: a Valencia sarà sfida a tre