Tim Gajser 243

MXGP Tim Gajser: il 243 come numero speciale

La storia del numero 243 di Tim Gajser, campione del mondo 2019 della MXGP, racchiude dentro di se più di un semplice significato per lo sloveno

1 settembre 2019 - 21:17

Tim Gajser sarà in questa stagione l’uomo copertina del mondiale 2019 della MXGP. Lo sloveno a Imola ha conquistato il suo terzo titolo in carriera, dopo aver dominato l’intero campionato. Un vero e proprio riscatto per “Tiga243” (il suo soprannome) dopo due anni difficili costellati da infortuni e qualche problema personale. Il segno distintivo di Gajser è comunque il numero “243” di cui non si stacca mai, nemmeno dopo la vittoria di un titolo mondiale.

SIGNIFICATO SPECIALE

Tim è figlio di Bogomir, ex pilota di motocross che lo ha introdotto nel mondo delle ruote tassellate, ha un fratello maggiore (Nejc) e due sorelle più giovani (Alja e Neja). Nel 1995 la famiglia Gajser ha vissuto una tragedia quando il fratello di 3 anni Žan è rimasto vittima di un incidente automobilistico. Dopo questo dramma e quando ha iniziato la carriera, Tim Gajser ha deciso di gareggiare con il numero 243 in onore del suo defunto fratello, nato il 24 marzo. Un numero quindi che porta dentro di se tanto significato per Gajser che, anche dopo il successo di Imola, ha deciso di mettere un piccolo numero 1 al suo interno per non lasciare il 243.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

La Skoda Fabia R5 di Tony Cairoli

Tony Cairoli al Rally Tuscan Rewind: “Non vedo l’ora”

Honda, Superbike

Superbike: “La nuova Honda non sarà subito da podio”

Jacky Martens, con i suoi piloti Julien Lieber e Benoit Paturel

MXGP, il team Honda di Jacky Martens con Lieber e Paturel