Gajser Evans HRC MXGP 2020

MXGP, Mitch Evans: “Mai un infortunio così. Nuovo format? Mi sentirò a casa”

Tim Gajser e Mitch Evans si preparano per la ripartenza. L'iridato 2019 sorpreso dal calendario, il rookie non al top per l'infortunio alla spalla.

6 luglio 2020 - 18:31

Saranno diventati cinque i mesi di attesa al momento di tornare in azione. La stagione MXGP scatterà il 9 agosto sul tracciato lettone di Kegums, il primo di tre round su questa pista. Il Team HRC è pronto a ripartire: Tim Gajser in particolare, dopo i round disputati nel campionato di casa, è determinato a difendere la corona iridata. Il rookie Mitch Evans invece sta recuperando da un importante infortunio ad una spalla ed è finalmente tornato in sella: la speranza è di riuscire ad essere di nuovo in piena forma per la ripartenza.

Come i colleghi di categoria, entrambi avranno a che fare con un calendario rivisto ed un nuovo format. Due o tre round da disputare sugli stessi tracciati (una di queste occasioni avverrà in Italia), competizioni a metà settimana, attività prevista in un solo giorno. Tante novità, resesi necessarie in una stagione condizionata dalla pandemia di Covid-19. I due alfieri del Team HRC si stanno preparando intensamente per essere protagonisti in questa rivista annata del Mondiale Motocross.

“Sono rimasto molto sorpreso quando ho visto il nuovo calendario” ha ammesso Tim Gajser. “In particolare per le tre gare a Kegums ed altre tre a Lommel, nella sabbia profonda. Per questo so che dovrò lavorare molto più duramente, ma non vedo l’ora di ripartire dopo una pausa così lunga. Mi mancano le gare, i weekend in circuito. Non so però come funzionerà questo nuovo format: un solo giorno di attività in pista significa che dovremo essere pronti ed efficienti molto più velocemente.”

“Sarà una novità per tutti” ha aggiunto il compagno di squadra Mitch Evans, parlando appunto del nuovo format. Per lui però non cambierà molto, anzi. “È come se corressi in Australia. Abbiamo prove libere e qualifiche al mattino, poi due gare nel pomeriggio. In un certo senso potrei sentirmi a casa.” Sull’infortunio, “Dall’intervento ho corso davvero poco. A fine mese vedrò il medico e avremo le idee più chiare. Non ho mai avuto un infortunio di questo tipo, con tanto tempo fermo, ma ora abbiamo una data precisa e ci stiamo preparando.”

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Motocross, Tony Cairoli

Motocross, Tony Cairoli: “Pronto a ripartire, Kegums una bella pista”

MXGP Herlings KTM

MXGP, Jeffrey Herlings: “Mancherà ritmo gara, bei ricordi di Kegums”

MXGP 2020

MXGP, si riparte a Kegums: nuovo format, nuove regole, la diretta TV