mxgp maggiora park

MXGP Maggiora: Tony Cairoli e Mattia Guadagnini, provateci ancora!

Mondiale Motocross a Maggiora con Gajser leader MXGP e Fernandez in testa in MX2. Tanti pronti a dire la loro, speranze italiane riposte in Cairoli e Guadagnini.

1 luglio 2021 - 17:09

Stagione MXGP 2021, terzo round. Questo fine settimana il Mondiale Motocross approda in Italia per il primo dei tre eventi sul suolo tricolore (4 se vogliamo aggiungere anche l’MXoN a Mantova). Un ritorno sulla mitica pista di Maggiora, certo di sprone per i ragazzi di casa, ma non solo. Il campione in carica Tim Gajser è sempre l’uomo da battere, ma attenzione anche al nostro Tony Cairoli, che ha brillato a Matterley Basin e certo vorrà ripetersi nel primo evento casalingo dell’anno. Non solo loro: in MX2 c’è un Mattia Guadagnini particolarmente carico dopo la prima vittoria stagionale, e determinato a recuperare il -13 da Ruben Fernandez in vetta. Vediamo la situazione attuale, ricordando anche gli orari dell’evento.

Il tracciato

Parliamo di un posto davvero ricco di storia, visto che dobbiamo risalire al 1963 per trovarne le prime tracce. L’Unione Sportiva Maggiorese dà vita ad un primitivo impianto per il motocross, con continui lavori di miglioramento. Anno dopo anno il circuito, che assume il nome di Maggiora Park, diventa sempre di maggior interesse a livello internazionale. Il Mondiale ci arriva nel ’66, nel ’70 ospiterà il suo primo Motocross delle Nazioni (evento che torna anche nel 1986). Nel periodo tra il 1999 ed il 2012 la pista rimane chiusa, finché due imprenditori non decidono di investire sull’impianto, riportandolo in auge e permettendo il ritorno del Mondiale MX1/MX2 già l’anno dopo. Nel 2016, dopo l’ultimo MXoN, tutto viene fermato, ed anzi si è temuto lo smantellamento definitivo della pista per seri problemi di natura legale. Dopo cinque anni ecco che Maggiora Park ha riaperto i suoi cancelli, con ospiti d’eccezione ad inaugurarlo come l’iridato in carica Gajser, l’ex MotoGP Dovizioso, il fresco ritirato Paulin.

MXGP

Tim Gajser arriva alla prima tappa tricolore del 2021 forte di tre successi in quattro gare, che gli valgono la leadership iridata. Il campione 2020 su questa pista ci ha vinto quand’era ancora in MX2 (2015, anno del suo titolo), ma un evento italiano ad aprile proprio al Maggiora Park si è chiuso con un suo doppio successo. Ma ce ne saranno parecchi di rivali da cui guardarsi. Citiamo il nostro Tony Cairoli, galvanizzato dal 93° successo ottenuto nel Regno Unito e certamente carico per il fatto di correre in casa, spinto dal suo pubblico. Come dimenticare Jeffrey Herlings, ancora però alla ricerca della sua vera forma fisica dopo aver saltato buona parte del 2020 per l’ennesimo infortunio. L’alfiere olandese sa cosa vuol dire vincere a Maggiora, visto che ha trionfato nel biennio 2013-2014 in MX2.

Discorso valido anche per Romain Febvre, il vincitore dell’ultima edizione svolta nel 2015, oltre al titolo MXoN conquistato l’anno successivo con il Team France. Non scordiamo gli altri ragazzi di casa: Alessandro Lupino cerca un’altra top ten, mentre Ivo Monticelli ed Alberto Forato sono determinati a rifarsi dopo un evento difficile in Gran Bretagna. E quale migliore occasione se non su una pista di casa e spinti dal (seppur ridotto) pubblico presente… Ricordiamo l’assenza di Mitch Evans, tornato in Australia e costretto ad operarsi nuovamente ad un polso.

MXGP – World Championship Top 10: 1. Tim Gajser (SLO, HON), 93 punti; 2. Jeffrey Herlings (NED, KTM), 78 p.; 3. Romain Febvre (FRA, KAW), 73 p.; 4. Antonio Cairoli (ITA, KTM), 65 p.; 5. Jorge Prado (ESP, KTM), 61 p.; 6. Jeremy Seewer (SUI, YAM), 60 p.; 7. Alessandro Lupino (ITA, KTM), 54 p.; 8. Pauls Jonass (LAT, GAS), 50 p.; 9. Thomas Kjer Olsen (DEN, HUS), 43 p.; 10. Glenn Coldenhoff (NED, YAM), 42 p.

MX2

Si arriva all’evento di Maggiora con Ruben Fernandez al comando della classifica generale. Il giovane spagnolo ha attirato l’attenzione su di sé dopo le prime due tappe stagionali vissute da grande protagonista: non ha ancora vinto una corsa, ma tre podi in quattro gare vogliono dire molto. Ad appena cinque punti di ritardo ci sono Maxime Renaux e Mathys Boisrame, appaiati al secondo posto con due podi a testa, ma per il primo uno dei due è una vittoria (Gara 1 a Matterley Basin). Ricordiamo che Renaux ha nel suo palmares un trionfo a Maggiora nel 2015, quand’era ancora in EMX125. In quarta piazza mondiale c’è Roan Van De Moosdijk, che precede di appena un punto Mattia Guadagnini.

Il nostro rookie è ancora più determinato a ben figurare in casa sulla scia dell’entusiasmo dovuto alla prima vittoria mondiale, quella ottenuta in Gara 2 a Matterley Basin, che gli è valsa il secondo posto assoluto nel round britannico. Questo solo per citare alcuni dei protagonisti di scena tra pochi giorni sulla pista tricolore. Con l’ultimo evento del 2015 che ha visto una top 3 composta da Gajser, Herlings e Seewer… Oltre a Guadagnini, pronti a fare bene anche gli altri due nostri portacolori al via, ovvero Andrea Adamo e Gianluca Facchetti. In forte dubbio invece il campione in carica Tom Vialle, che dopo il doppio successo in Russia è finito KO in Gran Bretagna per infortunio alla mano destra.

Foto: Maggiora Park

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Orari TV, Tony Cairoli

MXoN Mantova, Tony Cairoli capitano d’Italia: gli orari TV del “Nazioni”

tony cairoli mxgp motocross

MXGP: Tony Cairoli, il suo mitico 222 verrà ritirato a fine 2021

tony cairoli motocross nazioni

Motocross Nazioni: Italia terza nel sabato a Mantova, vola l’Olanda