Kawasaki Loket

MXGP Loket: dietro le quinte del team Kawasaki

Antoine Cancian capo meccanico del team ufficiale Kawasaki dopo l'assenza della squadra in Indonesia racconta il suo lavoro in vista di Loket

25 luglio 2019 - 18:00

Il Monster Energy Kawasaki Racing Team tornerà in azione questo fine settimana a Loket, Repubblica Ceca, per la tredicesima prova del campionato MXGP. Costretti a saltare i GP indonesiani a causa degli infortuni dei loro piloti, KRT sarà di nuovo in pista  con Tommy Searle, che si è unito al team ufficiale a giugno. Il pilota britannico ha trovato molte facce nuove quando si è unito al team per testare la bellissima KX450-SR, ma un membro dello staff  Antoine Cancian, era il suo meccanico da corsa qualche anno fa, quando correva nella classe MX2.

UN SOGNO PER ME

Dopo nove stagioni come meccanico, Antoine ha un nuovo ruolo in questa stagione ed è uno degli uomini “dietro le quinte” che lavorano con passione e dedizione per tutto l’anno. “È stato una specie di sogno per me diventare un meccanico perché non ero abbastanza bravo per diventare un pilota”, ha spiegato con un sorriso. “Penso che la maggior parte dei meccanici nel paddock inizi la loro carriera su una moto da cross, e per me è stato un sogno diventare un meccanico, quindi sono andato in un college specializzato per imparare il lavoro e poi cercare di trovare una squadra. Sono stato fortunato a trovare una posizione con il Team CLS, quindi fino ad ora ho trascorso tutta la mia carriera lavorando su Kawasaki “, ha aggiunto Antoine, che ha lavorato con molti piloti diversi nelle ultime stagioni.

PROMOZIONE

Passando da CLS a KRT qualche anno fa, ha avuto l’opportunità lo scorso inverno dopo nove anni come meccanico di essere promosso e ora è il capo meccanico. È un nuovo ruolo per Antoine, ma conserva lo stesso entusiasmo e passione. “Non stavo davvero sognando di trovare un nuovo lavoro, ma speravo che mi venisse offerto un lavoro diverso dall’essere un meccanico di gara; la passione è ancora lì – non puoi lavorare nel paddock senza passione – ma era tempo di una nuova sfida “, ha ammesso.

TANTA ESPERIENZA

Con una grande esperienza nelle corse, Antoine si è sentito subito a suo agio nel suo nuovo ruolo. “Oggi il mio lavoro è preparare tutto. Intendo parti, strumenti e così via, in modo che i meccanici di gara abbiano sempre tutto a portata di mano. Per lavorare ovunque ci troviamo, sia in officina, in Argentina o a Loket. Fortunatamente ho attorno a me una squadra forte in cui tutti sanno cosa deve fare e lavoriamo tutti insieme in un’atmosfera fantastica “, ha continuato. “Quando sei un meccanico di gara hai un po ‘di pressione ma ne ho anche un po’, anche se è diverso. Direi che per me i weekend di gara sono più rilassati, ma quando torniamo in officina è diverso. Le prime settimane non è stato facile in quanto è un nuovo lavoro con più responsabilità. Ma grazie al nostro team manager François e Vincent non mi ci è voluto molto per sentirmi a mio agio nel mio nuovo ruolo “.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Tony Cairoli

Tony Cairoli e Antonio Lupino: botta e risposta tra risate social

MXGP, Calendario 2020

MXGP Ecco il calendario Mondiale 2020 con tre tappe in Italia

MX Trofeo Regioni

Motocross Trofeo delle Regioni, vincono Lombardia e Piemonte