jeffrey herlings mxgp

MXGP: Jeffrey Herlings, quando l’impensabile diventa possibile

Jeffrey Herlings è l'eroe di Lommel. Secondo overall con una vittoria di manche a due settimane dalla frattura di una scapola. Più forte di tutto.

1 agosto 2021 - 18:56

Sono passate appena due settimane dalla frattura della scapola sinistra nello strano incidente al via ad Oss. A Lommel ecco un ritorno più che anticipato per Jeffrey Herlings, più che determinato a ricominciare a dire la sua. Il risultato? Un strepitoso trionfo in Gara 1 ed uno splendido 5° posto in rimonta in Gara 2. Nel complesso, secondo gradino del podio nel MXGP del Belgio in condizioni ben lontane dall’essere ottimali. Basta questo per definire ancora una volta il campione di Geldrop, che anche in questa occasione ha mostrato grinta e talento da vendere. Nonostante l’ennesimo infortunio in cui era incappato nella tappa di casa.

“Tentiamo qualcosa di impensabile.” E questa domenica rieccolo sul podio mondiale, protagonista in entrambe le corse disputate su quello che viene definito uno dei circuiti più difficili del calendario Motocross. Seppur con un po’ più di sfortuna in Gara 2, in cui è finito praticamente in fondo al gruppo a causa di un incidente iniziale. Non si è perso certo d’animo: è risalito più agguerrito che mai, finché il fisico non ancora a posto non ha chiesto il conto. Ma dopo tre corse saltate (Gara 2 a Oss e la tappa a Loket) è un rientro da urlo per l’alfiere KTM, più forte di quest’ultima lesione, della pioggia, di avversari al top della condizione.

Herlings però ammette di aver pensato a qualcosa di più. “Volevo una doppia vittoria” ha dichiarato a fine GP. “Ma nella seconda curva sono stato colpito da un altro pilota. Dovevo risalire e ho perso davvero tanta energia.” Un aspetto che s’è fatto sentire in seguito. “Sono contento di aver finito, ma negli ultimi 15 minuti non c’era molto che potessi fare, ho fatto fatica a tenere la moto.” Certo non ha di che lamentarsi. “Abbiamo limitato un po’ i danni in campionato, la settimana scorsa non avremmo mai sognato un weekend così!” La vetta iridata dista 42 punti, ma la stagione è lunga e Herlings, in forma o meno, vuole giocare qualche scherzetto ai rivali.

1 commento

Max75BA
20:22, 1 agosto 2021

Jeffrey è mostruoso speriamo che la “sfiga” si scordi del pilota più forte del mondiale da diversi anni…anche il nostro “vecchietto!” continua a deliziarci e si meriterebbe la “decima”
p.s. sono immensi

POTRESTI ESSERTI PERSO:

mxgp motocross sardegna

MXGP Sardegna, Cairoli-Guadagnini alla carica: gli orari TV/streaming

Antonio Cairoli KTM MXGP

Tony Cairoli, stop a fine 2021! Cala il sipario su una carriera MXGP stellare

Motocross, MXGP

Motocross: Cambia il calendario, i 5 GP finali si correranno in Italia