Jeffrey Herlings

MXGP Jeffrey Herlings: 343 giorni dopo

Verrebbe da dire "scusate il ritardo" per una vittoria arrivata 343 giorni dopo quella di Imola nel 2018, Herlings è tornato e sarà dura per tutti

9 settembre 2019 - 22:08

La storia del 2019 di Jeffrey Herlings può essere racchiusa nelle parole del suo post su Instagram. Un messaggio chiaro, che racchiude la paura di chi non pensava di farcela più, e la voglia di chi è consapevole di essere tornato per vincere (come ha sempre fatto).

RITORNO DA RE

343 giorni per tornare a vincere. Questo è il tempo trascorso tra l’ultima vittoria ottenuta da Herlings nel 2018 a Imola, e quella numero 85 arrivata in Turchia. In mezzo due infortuni, una manche vinta con una caviglia rotta in Lettonia e parecchio tempo per pensare al futuro. Un successo “diverso” da quello a cui Jeffrey ci aveva abituato in passato, dove dalla partenza fino al traguardo, distanziava gli avversari con distacchi abissali. Quello in Turchia è stato “sofferto” con 2 manche combattute soprattutto contro il connazionale Glen Clodenhoff. Herlings ha però dato la “zampata” del campione, con un sorpasso meraviglioso (lo trovate a questo link) sullo stesso Coldenhoff, all’ultimo giro della seconda manche. Una manovra fantastica, per ottenere la doppietta di giornata e mostrare al mondo intero di essere tornato. Chiaramente la forma fisica non è ancora al top ma Herlings, che proverà a vincere a Shangai l’ultima gara della stagione ha fissato l’obiettivo di questo 2019 comunque difficile; dominare e vincere il Nazioni di Assen con la sua Olanda.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

La Skoda Fabia R5 di Tony Cairoli

Tony Cairoli al Rally Tuscan Rewind: “Non vedo l’ora”

Jacky Martens, con i suoi piloti Julien Lieber e Benoit Paturel

MXGP, il team Honda di Jacky Martens con Lieber e Paturel

VIDEO MXGP: HRC, c’è Mitch Evans con Tim Gajser nel 2020