Tony Cairoli

MXGP, Tony Cairoli spalle al muro “Sono davvero deluso”

Tony Cairoli è scivolato a -48 punti da Tim Gajser, quasi un GP intero sui cinque che restano. Mercoledi sempre a Lommel bisognerà reagire

19 ottobre 2020 - 9:16

Tony Cairoli è finito con le spalle al muro. La sabbia di Lommel sembrava il terreno ideale per attaccare Tim Gajser, invece il GP delle Fiandre ha raccontato una storia ben diversa. A cinque GP dalla conclusione il pupillo di Honda HRC ha consolidato il primato, portando a 48 punti il vantaggio nei confronti del nostro fuoriclasse. La possibilità di vincere il decimo Mondiale si allontana pericolosamente, anche se la strada è ancora lunga. Restano ancora due durissimi GP da correre nell’inferno di sabbia belga: mercoledi 21 ottobre, e di nuovo domenica. Poi la MXGP tornerà in Italia, per l’ultimo triplice appuntamento da correre a Pietramurata, in Trentino. Con 250 punti ancora da assegnare, tutto può accadere. Però il tempo stringe, Tony Cairoli deve reagire subito.

Delusione palpabile 

Determinanti sono state  partenze molto complicate, conseguenza del quattordicesimo tempo che Tony Cairoli aveva realizzato nella qualifica del mattino. Al via, in entrambe le occasioni, il 35enne siciliano si è trovato spinto verso il margine destro della prima curva, perdendo subito contatto coi primi. Alla partenza di gara 1 è perfino finito fuori dal tracciato, arrivando soltanto tredicesimo. “Sono davvero deluso” ammette Tony Cairoli. “Ci aspettavamo un risultato migliore qui, dove in passato abbiamo fatto delle belle gare. Ancora una volta, abbiamo faticato nelle prove cronometrate e partendo dal mio cancello sono stato buttato fuori in entrambe le partenze, trovandomi fuori dalla top ten. Nella prima manche sono anche caduto nel primo giro, ho rimontato fino al tredicesimo posto ma di sicuro non è quello di cui sono capace su questa pista. Nella seconda manche sono arrivato dietro Paulin e abbiamo tenuto un buon ritmo.”

Il ginocchio va meglio 

L’aspetto positivo riguarda le condizioni fisiche, che sono in miglioramento rispetto alle ultime gare. Tony Cairoli soffre da parecchie gare per un problema al ginocchio sinistro.  “Ho ricevuto un buon trattamento al ginocchio questo fine settimana e sono davvero felice di come va; sono ancora insicuro nelle curve a sinistra ma sono felice perché non mi fa più male come prima. Mercoledi vediamo cosa possiamo migliorare: l’obiettivo è essere vicini al podio.”

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

tony cairoli mxgp

Tony Cairoli, nuova sfida a quattro ruote al Tuscan Rewind 2020

Gajser Cairoli MXGP

MXGP, Tim Gajser: “Cairoli un campione, 35 anni e sempre al top”

mxgp

MXGP: Tutte le novità del calendario (provvisorio) del Mondiale 2021