Tony Cairoli

MXGP Emilia Romagna, Super Tony Cairoli 91° trionfo ora comanda il Mondiale

Tony Cairoli non tradisce mai: con due secondi posti di manche conquista il 91° trionfo e ora è in testa al Mondiale. Tim Gajser non molla e si impone in gara 2

13 settembre 2020 - 16:45

L’eterno Troy Cairoli conquista la vetta della MXGP vincendo il GP Emilia Romagna a Faenza, ottavo appuntamento del Mondiale di motocross. Con due secondi posti strappati in due manche combattutissime, il fuoriclasse KTM è riuscito a rintuzzare l’attacco del baldanzoso compagno di squadra Jorge Prado, imprendibile nella prima manche ma solo sesto nella seconda. Ma soprattutto ha tenuto a bada il campione in carica, lo sloveno Tim Gajser, affondato nella prima sfida (quinto posto) e poi vincitore della seconda. Firmando la vittoria numero 91 nel Mondiale (la seconda quest’anno) Tony Cairoli adesso comanda il campionato con sette punti di vantaggio sullo stesso  Gajser. Il cammino è ancora lunghissimo, mancano ben dieci GP alla fine. Ma sei di questi si correranno ancora in Italia, su tracciati che Tony Cairoli conosce e gradisce molto: fra due settimane partirà il trittico di Mantova, a novembre stesso programma nel gran finale a Pietramurata, in Trentino. Il decimo Mondiale è nel mirino!

Una rimonta forsennata

In gara 2 Tony Cairoli non è partito bene come nella prima, era solo quinto alla prima curva. Ma non da lì ha cominciato a macinare avversari come fossero birilli sul fondo in terra dura del Monte Coralli. Una volta piombato alle spalle di Tim Gajser,il veterano ha usato l’astuzia, evitando di andare a cacciarsi nei guai: il secondo posto è stato il passaporto per il paradiso. Sullo stesso tracciato domenica Tony Cairoli scorsa aveva fatto terzo nel GP vinto dall’ex capofila Jeffrey Herlings, mercoledi aveva mancato il podio per un punto, terminando quarto.

Jeffrey Herlings compleanno triste

Tony Cairoli ha ereditato il primato da Jeffrey Herlings, sfortunato campionissimo olandese che proprio oggi  compie 26 anni. Mercoledi scorso, nelle prove libere del GP Faenza, è atterrato malamente procurandosi una seria lesione al rachide cervicale, che lo terrà per un tempo ancora non definito lontano dalle piste MXGP. Jeffrey Herlings, ricoverato in un primo momento al Bufalini di Cesena, ha già fatto rientro a casa. L’incidente poteva avere conseguenze molto gravi, ma per fortuna sono scongiurate conseguenze neurologiche. “The Bullet” è uscito di scena dopo aver vinto il GP Italia domenica scorsa, e da leader del Mondiale con 60 punti di vantaggio su Tony Cairoli. Jeffrey ha vinto quattro Mondiali (tre in MX2, uno in MXGP nel 2018) ma quest’anno ogni possibilità pare sfumata.

La classifica Mondiale dopo 8 GP su 18

1.Tony Cairoli (Ita-KTM) punti 285; 2. Tim Gajser (Slo-Honda) 278; 3. Jeffrey Herlings (Ola-KTM) 263; 4. Jeremy Seewer (Svi-Yamaha) 255; 5. Jorge Prado (Spa-KTM) 237; 6. Arminas Jasikonis (Let-Husqvarna) 233; 7. Glenn Coldenhoff (Ola-GasGas) 233; 8. Romain Febrve (Fra-Kawasaki) 203; 9. Gautier Paulin (Fra-Yamaha) 201; 10. Clement Desalle (Bel-Kawasaki) 194.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

mxgp patagonia

MXGP: ufficiale, l’evento in Patagonia-Argentina posticipato al 2021

MXGP

MXGP: presentato il tris di Mantova, ammessi mille spettatori al giorno

MXGP, Tony Cairoli 1° nel Mondiale: “Fantastico avere la tabella rossa”