Motocross 2019: ecco la entry list provvisoria della stagione

Tantissimi nomi di livello che garantiranno uno spettacolo eccezionale nel 2019 andiamo a vedere chi sono

24 dicembre 2018 - 18:14

Youthstream ha rilasciato  la “Entry list” provvisoria delle classi MXGP e MX2 per la stagione 2019 del mondiale di Motocross. Nonostante qualche casella ancora “vuota” i protagonisti in entrambe le classi non mancano garantendo per il nuovo anno uno spettacolo di grande livello.

Partiamo dalla classe regina, la 450, con il team KTM Factory che ha ovviamente confermato i due grandissimi big della categoria, Jeffrey Herlings e il nostro Tony Cairoli pronti a sfidarsi anche in questa nuova stagione per il titolo. Honda HRC gestita da Giacomo Gariboldi vedrà al via il campione del mondo del 2016 Tim Gajser, in cerca di riscatto dopo un 2018 così così e Brian Bogers finalmente senza nessun problema fisico dopo aver saltato oltre metà campionato scorso a causa di un problema ad un piede.

Molto interessante la scelta di Husqvarna Factory che ha deciso di puntare sulla linea “verde” con l’arrivo in squadra del lituano Arminas Jasikonis ( ex Suzuki e Honda RedMoto Assomotor) e del campione del mondo 2017 della MX2 Paul Jonass. Una scelta da “dentro o fuori” della squadra gestita da Kimi Raikkonen con due piloti in grado di assicurare tanta velocità ma forse poca “costanza”.

Yamaha Factory vedrà al via ancora il campione 2015 Romain Febvre, alla ricerca di quella “forma” che 3 anni fa gli permise di vincere il titolo in maniera quasi sorprendente. Jeremy Seewer “rookie” della stagione 2018 affiancherà il francese. Il pilota svizzero potrebbe essere uno da tenere d’occhio nel corso nella stagione in zona podio.

Kawasaki schiererà il veterano Clement Desalle e Julien Lieber, forti della nuovissima moto di cui si dice un gran bene e che potrebbe rappresentare l’arma in più del team ufficiale. Yamaha Wilvo con Arnaud Tonus e Gautier Paulin si è assicurata tantissima esperienza ma forse poca “freschezza” nel corso della stagione. Chi ha voglia di fare un salto di qualità importante è il team Standing Construct KTM con tre moto al via guidate da Coldenhoff, Anstie e Ivo Monticelli. Una line-up ambiziosa e da grande squadra.

Bos Gp dopo una stagione con la “vecchia” Suzuki 450 avrà a disposizione due Kawasaki 450 che Bobryshev e l’ex ufficiale Searle cercheranno di portare con costanza nella top 10. La nostra pattuglia d’italiani vedrà al via oltre ai già citati Cairoli e Monticelli, anche Ale Lupino sulla Kawasaki del team Gebben Van Venrooy e Simoni Furlotti del team GBO Motorsport. Peccato per l’assenza della TM che dovrebbe comunque rientrare nel mondiale la prossima stagione.

La classe MX2 nonostante la partenza verso gli USA di due big come Hunter Lawrence e Thomas Covington e quella di Jonass nella MXGP, sarà comunque molto interessante e “palestra” di giovani talenti. Jorge Prado forte di un titolo mondiale conquistato in maniera perentoria nel 2018 sarà il grande favorito della stagione in sella alla KTM Factory.

Il suo nuovo compagno di squadra sarà il giovanissimo Tom Vialle, figlio dell’ex pilota Frederic, che si è conquistato la fiducia dello squadrone austriaco dopo delle ottime prestazioni nel campionato europeo 250. Honda HRC punta forte sulla crescita di Calvin Vlaanderen così come Yamaha con Ben Watson e l’interessante Jago Geerts.

Husqvarna vedrà al via Kjer Olsen e Beaton pronti a dare battaglia così come il nostro Michele Cervellin con la Yamaha del team SM Action. Gli altri italiani al via saranno Morgan Lesiardo e Andrea Zanotti. Il team italiano RedMoto Assomotor gestito da Alfredo Belilacqua sarà la grande novità della classe MX2.

Scesi dalla MXGP dopo anni di risultati discreti, la squadra di Carpi schiererà in sella a 2 Honda il francese e campione dell’europeo 250 2018 Mathys Boisrame e il belga Brent Van Doninck, per una squadra pronta a togliersi diverse soddisfazioni nella categoria.

Il campionato inizierà il 3 Marzo a Neuquen in Argentina.

 

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Michael Rutter

Clamoroso: Michael Rutter ufficializzato vincitore del Macau GP 2019

Macau

Cancellato il Macau Motorcycle GP 2019: nessun vincitore

Macau

Doppia bandiera rossa al Macau GP, gara cancellata?