Wssp 300

WSSP 300: il Mondiale delle piccole derivate è un boom, ecco perchè

Con 53 piloti di 12 nazioni la entry class delle derivate di serie sta ottenendo successo. Dopo Ana Carrasco e Manuel Gonzalez chi c'è un rampa di lancio?

6 agosto 2020 - 13:00

di Stefano Bergonzini 

La prima a far parlare di questo Campionato è stata la spagnola Ana Carrasco, che nel 2008 vincendo la serie è diventata la prima donna nella storia ad entrare nell’albo d’oro dei Campioni del mondo di motociclismo. L’anno scorso invece si è letto parecchio su Manuel Gonzalez che a 17 anni e 55 giorni è divenuto il più giovane iridato di sempre, battendo il precedente record di Loris Capirossi. Quest’anno il debutto del Campionato Supersport 300 a Jerez è stato al fulmicotone, con la vittoria in Gara2 di Bahattin Sofuoglu (Yamaha), nipote del pluri iridato Kenan.  Che era al circuito per sostenere il parente e gli altri due della Academy turca da lui fondata, Toprak Razgatlioglu e Can Oncu. In Gara1 si è imposto lo spagnolo Unai Orradre (Yamaha).

Schieramento in piena salute

A Jerez si sono presentati 55 piloti  provenienti da 12 diverse nazioni, poi ridotti a 53 per la cacciata causa mancato rispetto delle norme di sicurezza anti-coronavirus del team ravennate 2R Kawasaki. Ne hanno fatte le spese  Victor Rodriguez e Alessandro Zanca). A livello tecnico troviamo impegnate 3 Case motociclistiche con progetti e architetture totalmente differenti. Questo Campionato dai bassi costi (una moto di serie costa 5.500 euro) e alto spettacolo è in piena salute nonostante la crisi economica mondiale.  La Kawasaki utilizza la bicilindrica parallela Ninja 400cc, la Yamaha la R3,  bicilindrica fronte marcia di 320cc, la KTM la potente e scrobutica monocilindirca RC 390cc R. Con l’adozione delle gomme slick introdotte quest’anno queste piccole moto volano e danno vita ad uno show mozzafiato in pista con grappoli di moto che affrontano le curve e i rettilinei cercando la scia giusta per venire fuori e sorpassare. Gli italiani sono una pattuglia consistente, ben 12, con nomi già noti nell’ambiente delle gare come Bruno Ieraci, Alfonso Coppola,  Thomas Brianti, Kevin Sabatucci e Filippo Rovelli.

Thomas Brianti guida la pattuglia tricolore

A Jerez  il migliore degli azzurri è stato il Campione CIV 2019 Thomas Brianti, con un 5° posto in Gara1 e il 9° in Gara2. “Domenica per la prima volta nella mia carriera correrò  a Portimao– spiega il pilota della Prodina Ircos Kawasaki-l’impianto mi sembra bellissimo, è la prima volta che vengo da queste parti, non ho mai girato su questa pista ma ce la metterò tutta. Sfrutterò ogni momento dei turni di prive per imparare e lavorare sulla moto. A Jerez la Gara2 non è andata come mi aspettavo. Una partenza non perfetta ha condizionato tutta la gara e sono riuscito a recuperare posizioni con un grande sforzo. Tutto sommato però sono molto contento per come è andato il week end. Sono stato sempre competitivo e abbiamo fatto esperienza. Siamo arrivati qui a Portimao con la consapevolezza che ci siamo a che noi tra i migliori”.

Kevin Sabatucci a caccia di gloria

Anche l’ascolano Kevin Sabatucci (Kawasaki) è andato forte a Jerez e punta a un risultato di prestigio in Portogallo. “ A Jerez ho chiuso la Gara1 in ottava posizione, e la Gara2 in 11ma. Avevamo un ottimo passo gara, ma il distacco accumulato nei primissimi giri non mi ha permesso di fare di più. Siamo convinti e carichi di poterci migliorare qui in Portogallo . Il feeling con la mia Kawasaki è buono e le sensazioni che ho quest’anno sono positive”. In testa alla classifica c’è l’inglese Tom Booth-Amos (Kawasaki) che arriva dalla Moto3 e ha un vantaggio di un solo punto su Orradre. “Il passaggio in Supersport 300 è stato molto positivo– dice il britannico- abbiamo preparato la prova di Jerez con dei test prima ad Assen poi ad Aragon il 17 luglio. Non considero il passaggio in 300 una diminuzione dalla Moto3, anzi, voglio vincere il mondiale e dimostrare quanto valgo”.

Supersport in TV si sposta Sky Sport Arena

In TV su Sky Sport 204 Arena: vista la concomitanza con la MotoGP, la Supersport si sposta sul Canale 204 Sky Sport Arena. Venerdì alle 17.00 prove Supersport600; sabato alle 12.35 Superpole Supersport600 e alle 13.15 Superpole Supersport300, alle 16.10 Gara1 Supersport600 e alle 17.05 Gara1 Supersport300. Domenica alle 13.25 Gara2 Supersport600 e alle 16.10 Gara 2 Supersport300. Telecronaca di Edoardo Vercellesi e Max Temporali

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Superbike, Garrett Gerloff

Superbike: Garrett Gerloff scala il podio, e se fosse solo l’inizio?

Superbike, Scott Redding

Superbike, Scott Redding ci ha messo il cuore ma per il Mondiale non basta

andrea locatelli supersport

Supersport: Andrea Locatelli Campione, una sfida rivelatasi vincente