Superbike

VIDEO Superbike: Mondiale 2020, partenza a tutto gas

Dorna ha realizzato la preview video che introduce le grandi emozioni 2020. Sono 46 minuti di grandi emozioni. Ormai mancano pochi giorni al via dall'Australia

14 febbraio 2020 - 18:45

Video: A tutto gas verso la Superbike 2020

Ormai è questione di giorni: il 29 febbraio a Phillip Island si apre il Mondiale Superbike 2020. Una sfida che promette moltissimo. Jonathan Rea è ancora il pilota da battere oppure dopo cinque anni di dominio sarà costretto a scendere giù dal trono? Scott Redding, il nuovo che avanza, riuscirà a portare la Ducati là dove Alvaro Bautista è mancato, cioè sul tetto del Mondo? E lo spagnolo, dopo aver tradito la Rossa, riuscirà a mettere le ali alla nuova Honda CBR1000RR-R? E’ questo il terzetto dei piloti più attesi, gli annunciati protagonisti. Ma…

TOPRAK, L’ASCESA CONTINUA?

La Yamaha si affida al talentuoso Toprak Razgatlioglu, che da “privato” (si fa per dire: la sua Kawasaki aveva poco da invidiare alla ZX-10RR di Rea…) Kawasaki ha vinto due volte, salendo in 13 occasioni sul podio. Sarà pronto per giocarsi il primato in ogni gara, e non perdere terreno in classifica? Toprak è fortissimo, e il suo stile di guida spericolato infiamma la fantasia degli appassionati. Ma adesso deve dimostrare di essere un pilota da “Mondiale”. Sarà un gradino molto impervio da salire, ma il turco è ben attrezzato.

I VALORI TECNICI

La Kawasaki è la Superbike meno aggiornata del lotto: Rea punta sull’usato (super) sicuro. Honda è la mina vagante, stavolta HRC è impegnata in forma diretta e non ci sono più scuse. Anche Yamaha è nuova: motore, aerodinamica, air box. Passi avanti anche in casa BMW, colosso tedesco che non sta guardando a spese per salire al vertice. La grande attesa degli appassionati italiani è la Ducati V4 R: nel 2019 poteva essere Mondiale al primo colpo, se Bautista non avesse fatto il matto. Non resta che contare i giorni per la prima sfida.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Superbike, Jonathan Rea

Jonathan Rea e Valentino Rossi destini diversi “Se corro ancora a 41 anni, ditemi di smettere””

Superbike,Marco Melandri

Superbike: Marco Melandri, la pazza idea del ritorno Mondiale con Ducati

Superbike, Alvaro Bautista

Superbike: Alvaro Bautista in ritardo, che succede alla Honda?