Superbike Oettl

UFFICIALE Superbike, Oettl con Go Eleven “Riacquisito il nostro DNA”

Go Eleven riparte da Oettl, che farà il salto in Superbike nel 2022. Un ritorno alla propria filosofia: "Philipp ha dimostrato di meritare la top class"

2 novembre 2021 - 16:01

Come annunciato qualche giorno fa, la Superbike risolve uno dei suoi ultimi intrecci di mercato. Archiviata la parentesi Chaz Davies (prossimo al ritiro), Go Eleven ripartirà nel 2022 con la propria filosofia, ovvero quella di coltivare piloti giovani per il futuro. La compagine di Ramello accoglie così Philipp Öttl, che passerà in questo modo dalla Supersport alla categoria maggiore nella prossima stagione. Una sfida affascinante per il figlio di Peter, che negli ultimi due anni ha ben figurato nella classe di mezzo con la Kawasaki del team Puccetti. Adesso il tedesco passerà dal “verde” al “rosso”, sempre che Go Eleven non mantenga la colorazione attuale anche nella prossima stagione.

“Con Go Eleven tutte le possibilità di fare bene”

La Ducati Panigale V4-RS è senza dubbio una occasione ghiotta per chiunque e Öttl non se l’è fatta sfuggire. Certo il salto su una 1000 non sarà semplice, ma Philipp è determinato: “Sono felice di poter fare il grande salto in Superbike con Go Eleven dopo due stagioni positive nel Mondiale Supersport!”. Il tedesco approda in una squadra competitiva: “Spero di imparare velocemente lo stile di guida del 1000, con un buon gruppo di persone intorno e Go Eleven avrò tutte le possibilità per raggiungere ottimi risultati”.

Sacchetti: “Philipp valore aggiunto”

Come detto, una chance da prendere al volo: “Ho desiderato di far parte di questa squadra fin dall’inizio delle trattative. Non vedo l’ora di cominciare questa nuova esperienza e di imparare il più possibile e migliorare gara dopo gara. Sono felice di poter guidare una Ducati, è una grande casa e volevo davvero questa opportunità considerando il suo glorioso passato!”. Anche Denis Sacchetti (Team Manager) commenta la notizia: “Philipp ha fatto molto bene in Supersport e vanta esperienze in Moto3 e Moto2. Mi ha trasmesso ottime sensazioni, ha già un buon metodo di lavoro, sicuramente trasmesso dal padre Peter. È un valore aggiunto, aiuterà sia noi che lui”.

Ramello: “Go Eleven torna al proprio DNA”

“Siamo felici di averlo in Go Eleven, rispecchia la nostra filosofia: credere nei giovani e dare loro un’opportunità di mettersi in mostra. Philipp ha dimostrato di meritare la top class del mondiale Superbike”, prosegue. Della stessa linea anche Ramello: “Con l’acquisto di Öttl, il team Go Eleven torna a proseguire nel proprio percorso e DNA. Un pilota giovane e un programma su più anni che ci permetterà di crescere e ottenere buoni risultati. Philipp mi ha impressionato per grinta, stile di guida e competitività nonostante una moto non più all’altezza elle concorrenti. Faremo le corse con lo spirito di Go Eleven, professionalità ma anche momenti di divertimento. Philipp potrà farci apprezzare le sue doti ed entusiasmarci a ogni gara”.

“58” il racconto illustrato ispirato al mito SIC58,  In vendita anche su Amazon Libri

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Superbike Garrett Gerloff

Superbike, Ben Spies: “A Garrett Gerloff serve un Kenan Sofuoglu”

Superbike, Toprak Razgatlioglu

Superbike, Toprak Razgatlioglu: la nuova grafica del 54 + 1

Superbike, Alvaro Bautista

Superbike, Alvaro Bautista: le prime richieste per Ducati