Randy Krummenacher

Supersport: UFFICIALE Randy Krummenacher porta il #1 in MV Agusta

MV Agusta ufficializza l'ingaggio del campione del Mondo Supersport, che così lascia Yamaha ed Evan Bros dopo le polemiche di fine stagione

30 ottobre 2019 - 21:50

I lettori di Corsedimoto lo sanno da tempo, oggi Randy Krummenacher con la MV Agusta nel Mondiale Supersport 2020 è ufficiale. Il pilota svizzero, 29 anni, porta in dote il numero 1 di campione del Mondo, conquistato nello spareggio in Qatar a spese di Federico Caricasulo. Krummenacher lascia la Yamaha, e anche il team Evan Bros, dopo le roventi polemiche che hanno accompagnato il finale di stagione. Curiosità: due anni fa era stato proprio Randy Krummenacher a creare il legale fra Evan Bros e la Yamaha, attraverso i buoni uffici dell’importatore svizzero. In MV Agusta comincia una storia tutta nuova. La marca varesina ha già sfiorato il Mondiale con Jules Cluzel. MV Agusta non vince un Mondiale dal 1974, cioè dall’ultimo centro di Phil Read in 500GP.

“RIPARTO PER VINCERE IL MONDIALE”

Randy Krummenacher è convinto di potersi giocare il titolo anche con la F3 675.  “Sono molto felice di restare in Supersport, categoria che a me piace molto e che so che può continuare a darmi delle grandi soddisfazioni. Con la MV Agusta sarà una bella sfida e con la professionalità di Andrea Quadranti e del suo Team, sono sicuro che potremo fare un buon lavoro, con l’obiettivo di vincere ancora il Campionato nella prossima stagione. Ringrazio Andrea Quadranti per l’opportunità che mi ha offerto e la fiducia che mi ha dimostrato e non vedo l’ora di provare la moto a fine novembre a Jerez.”

LA SFIDA ELVETICA

Con l’ingaggio di Randy Krummenacher la MV Agusta si candida senza mezzi termini a protagonista assoluta del 2020. Curiosità: il pilota è svizzero come Andrea Quadranti, titolare della struttura che gestisce il programma Supersport. “Sono anni che seguo Randy con interesse e finalmente si è presentata l’occasione giusta per iniziare un percorso insieme” spiega Andrea Quadranti. “La stagione è terminata da poche ore ma siamo già al lavoro per migliorare il nostro pacchetto tecnico e per dare a Krummenacher la possibilità di competere al vertice con i migliori piloti del prossimo anno. A fine mese potremo svolgere i primi test a Jerez.”

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Sylvain Guintoli, SBK

Massimo Rivola giù duro: “SBK in direzione sbagliata, Ducati ha un motore MotoGP”

Superbike, 2020

Superbike Ecco il calendario 2020, Qatar anticipato a marzo

can oncu supersport

Nuove sfide: Dalla Moto3, Can Öncü approda in World Supersport