barni ducati supersport

Supersport: Barni Ducati, prove di 2022 a Grobnik con Spinelli e la Panigale V2

Barni Ducati completa due giorni di test in Croazia con Nicholas Spinelli in sella alla Panigale V2. Un altro passo verso il ritorno nel Mondiale Supersport.

21 luglio 2021 - 13:03

Il progetto Supersport 2022 del Barni Racing Team compie un altro passo avanti. La squadra di Marco Barnabò infatti ha appena completato due intense giornate di test a Grobnik, in Croazia, con Nicholas Spinelli (suo pilota nel National Trophy) in sella alla Panigale V2. Moto dotata per la prima volta anche di elettronica Mec Tronik omologata WorldSSP. Nello specifico erano due le V2 955 a disposizione del giovane pilota italiano: una con questa versione, l’altra con elettronica “stradale”. Il 19 ed il 20 luglio la Ducati col numero #29 è entrata in azione, compiendo un altro test importante per quello che è l’obiettivo dichiarato: il ritorno in WorldSSP l’anno prossimo.

“Siamo i primi ad aver messo in pista la Ducati Panigale V2 con l’elettronica omologata in Supersport” ha sottolineato il Team Principal, attento osservatore sulla pista croata. “Questa è sempre stata la nostra filosofia, sviluppare i nuovi modelli Ducati e portarli in gara. Sappiamo che preparare la moto al livello delle altre sarà un lavoro molto lungo: case come Yamaha e Kawasaki dominano in questa categoria da anni e per noi è come iniziare da zero. Per questo abbiamo investito tempo e risorse già a partire dal 2021. Voglio ringraziare in primis Nicholas che ha sposato la nostra filosofia e si sta dedicando con grande impegno nel lavoro di sviluppo, ma anche tutta la squadra che sta lavorando con entusiasmo su questo progetto.”

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Superbike, Toprak Razgatlioglu

Superbike, retroscena Yamaha: “Toprak Razgatlioglu fa richieste insolite”

Superbike, Scott Redding

Superbike, Scott Redding: il messaggio di addio al team Ducati

Valentino Rossi e Iker Lecuona

Superbike, Iker Lecuona amaro: “MotoGP ingiusta, grazie Valentino Rossi”