Superbike, Superpole Race: Rea attacca ma vince Bautista

Superpole Race: nella sfida in dieci giri Jonathan Rea attacca, la sfida è caldissima ma vince ancora Alvaro Bautista

24 febbraio 2019 - 2:28

Superpole Race, che spettacolo! Sulla corta distanza (appena 10 giri) Jonathan Rea è tornato all’attacco impegnando allo spasimo Alvaro Bautista. I due candidati al Mondiale 2019 ci hanno regalato sette sorpassi, ma nel finale il ducatista ha alzato ancora il ritmo, portando a casa la seconda vittoria del week end. Rea ha comunque stabilito il nuovo primato della pista, 1’30″075, otto decimi sotto il precedente limite di Marco Melandri che nella corsa sui 22 giri del sabato Bautista non era riuscito ad infrangere. Terzo posto per Leon Haslam, che così riscatta la scivolata nell’apertura. Marco Melandri è arrivato sesto. (Superpole Race, come funziona)

Stesse soluzioni di gomma

Per la mini gara i big hanno confermato la stessa scelta di copertura operata sabato per coprire più del doppio della distanza. Senza timore di restare sulle tele, Rea non ha fatto sconti e ci ha provato di brutto. Su questo tracciato però il binomio Bautista-Ducati V4R sembra decisamente fuori portata per la Kawasaki. Jonathan è stato particolarmente aggressivo dal quarto al sesto giro, in una sola tornata (la quarta) ci sono stati quattro (!) scambi di posizione. Dietro, dopo il solitario Haslam, c’è stata bagarre in casa Yamaha con Lowes che stavolta ha messo in riga Van de Mark, Melandri e Cortese.

Chaz Davies, chi l’ha visto?

Il gallese continua a deludere: è finito decimo, anche stavolta battuto da Michael Rinaldi che guida la stessa Ducati V4R ma è la prima volta che corre a Phillip Island. Davies ha incassato 14 secondi da Bautista, un dato che fa molto riflettere. Netto passo indietro per BMW, con Tom Sykes fuori dalla top ten, e uscita da dimenticare per la Honda, con Leon Camier e Ryuichi Kiyonari lontani dalle posizioni che contano. All’ultimo giro  groviglio in curva 4 fra Toprak Razgatlioglu, Jordi Torres e Leandro Mercado, piloti indenni.

Classifica Mondiale

La Superpole Race assegna 12 punti al vincitore, 9 al secondo, 7 al terzo e così via fino ad 1 punto per il nono classificato. Determina anche la composizione delle prime tre file dello schieramento di gara 2, con Alvaro Bautista che quindi scatterà in pole davanti alle Kawasaki di Rea e Haslam. Il punteggio del Mondiale: 1. Bautista punti 37; 2. Rea 29; 3. Melandri 20; 4. Lowes 19; 5. van de Mark 16; 6 Cortese 11; 7. Razgatliouglu 10; 8. Sykes e Rinaldi 9; 10. Haslam 8; 11. Davies 6; 12. Torres e Laverty 5; 14. Reiterberger 3; 15. Mercado 2.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Jonathan Rea ammette: “Chaz Davies è tornato fortissimo”

Alvaro Bautista: Il problema è l’usura da allenamento?

Superbike 2020: Tom Sykes resterà in BMW