Superbike, Toprak Razgatlioglu

Superbike, Toprak-attack: “Johnny e Redding hanno paura”

Finale di campionato Superbike al cardiopalma. Toprak Razgatlioglu lancia il guanto di sfida: "Jonathan Rea e Scott Redding hanno paura".

5 ottobre 2021 - 9:49

La sfida finale per il titolo Superbike si preannuncia rovente. Due week-end al capolinea, 24 i punti di distacco tra Toprak Razgatlioglu e Jonathan Rea. Uno sprint decisivo che ricorda un po’ la diatriba tra Valentino Rossi e Marc Marquez nella stagione MotoGP 2015. Scintille in pista e fuori, senza esclusione di colpi. Il turco che festeggia la vittoria in gara-1 a Portimao spazzolando la zona verde, il campione Kawasaki risponde per le rime dopo gara-2. In Argentina ci sono tutti gli ingredienti per restare incollati davanti a questo duello, con il beneplacito della Dorna che si sfrega le mani.

Toprak senza paura

Le più recenti dichiarazioni di Toprak gettano ulteriore benzina sul fuoco. Johnny e Scott Redding hanno apertamente criticato il suo stile di guida aggressivo: critiche giustificate o frustrazione? Fino a quando la Race Direction non interviene sarà il copione che rivedremo a San Juan e al Mandalika. Il leader del campionato Superbike si contraddistingue per una frenata tardiva in ingresso curva che spiazza l’avversario. E continuerà sulla stessa lunghezza d’onda: “Johnny mi ha toccato in Navarra, ma non ho detto niente – racconta a Speedweek.com -. Ora ha iniziato a lamentarsi di me e questo è un buon segno. Significa che è molto arrabbiato per come sta andando il campionato“.

Il titolo Superbike si combatte anche sul piano psicologico, è una guerra di nervi che condisce lo show. “Non è nel mio stile parlare così, ma non cambierò il mio stile di guida. Combatterò ogni weekend di gara come prima. Non ho paura, ma forse Scott e Johnny ce l’hanno“. Nel GP del Portogallo abbiamo assistito ad una serie infinita di sorpassi al limite, a festeggiamenti provocatori ripresi a grandi tinte anche dai social ufficiali. La tensione sale, a vantaggio dello spettacolo, ma a scapito dell’atmosfera in pista. “Nella prima gara voleva sorpassare, ma l’ho fatto anch’io, e ora si lamenta – conclude Toprak Razgatlioglu -. Sono un po’ sorpreso da Johnny“. La diplomazia finisce in archivio, adesso è tempo di ferro e fuoco.

Jonathan Rea “In Testa, la mia autobiografia” In vendita anche su Amazon Libri

2 commenti

FRA 1988
10:21, 5 ottobre 2021

Toprak è molto aggressivo ma reputarlo scorretto mi sembra esagerato. In questa annata c’è un solo pilota che si sta calmando dopo vari gp sopra le righe ed è Gerloff. L’americano aveva speronato Toprak( Assen) e stava esagerando nei contatti con gli avversari.
Rea sta sicuramente provando l’arma psicologica ma le cadute fatte in questa annata, evidenziano quanto sia impiccato più delle stagioni precedenti. Toprak può portarlo a casa sto mondiale e non sta rubando nulla ai rivali.

    Max75BA
    12:14, 5 ottobre 2021

    Se lo merita il titolo, grande Toprak

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Superbike, Toprak

Superbike Argentina Prove 2: Super Toprak, adesso chi lo prende?

Superbike, Toprak

Superbike Argentina, prove 1: Toprak davanti, Redding e Rea inseguono

Superbike, Alvaro Bautista

Superbike, Alvaro Bautista: primo contatto con Ducati a Jerez