Superbike, Tom Sykes

Superbike, Tom Sykes impaziente “BMW deve dirmi adesso se andiamo avanti”

Tom Sykes si sente messo in discussione dalla BMW. "Devono dirmi in fretta se resto, l'interesse di altri team nei miei confronti sta crescendo"

11 agosto 2020 - 15:02

Dopo tre round Superbike la BMW è una squadra in piena agitazione. L’annuncio dell’arrivo  di Michael van der Mark per il 2021 non è stata una buona idea, perchè proprio alla ripresa del Mondiale ha messo in discussione Eugene Laverty e Tom Sykes.  “Decideremo in base ai risultati chi confermare” è il piano di Shaun Muir, che in teoria dovrebbe essere solo il gestore della logistica in pista. Invece, a quanto pare, la BMW gli ha dato carta bianca anche sul fronte piloti. Laverty è un pilota in piena crisi:  Portimao era il suo tracciato preferito, ma stavolta ha incassato solo delusioni, perdendo nettamente il confronto interno con Sykes. Ma neanche il Boscaiolo è sereno. E non lo manda a dire….

“Non mi piacciono gli esami”

Siamo sotto esame, sia io che Eugene, e a me gli esami non piacciono” ha detto Tom Sykes, un Mondiale vinto e due sfiorati. A Portiamo è arrivato settimo e ottavo nelle due gare lunghe, sesto nella sprint. “Sono convinto di aver tratto il meglio dalla BMW di adesso: abbiamo un gran telaio, infatti nel misto guadagnavo terreno sui piloti saliti sul podio. Il motore però non spinge, ci mancavano cavalli.” E’ il problema che BMW soffre da un anno e mezzo, cioè dal rientro ufficiale. Con la gomma soffice Tom Sykes sopperisce, in tre round ha firmato una Superpole ed è sempre partito nelle prime due file. La gara però è un altro affare.

“Io vorrei restare”

Tom Sykes è convinto che prima o poi la BMW gli darà una moto vincente, o forse è perchè i tedeschi pagano bene. Fatto è che intenderebbe restare. “Ma più che il negoziato si allunga, più cresce l’interesse di altri team. E’ una situazione che non mi piace, per cui vorrei definire presto. Le parole che ho sentito nelle ultime settimane mi hanno un pò confuso. Ho chiesto di sederci ad un tavolo, calmare i pensieri e parlarci faccia a faccia.” 

1 commento

Macx
15:20, 11 agosto 2020

Shaun Muir èuna specie di ReMida al contrario tutto quello che tocca si trasforma in m…………. vedi Aprilia prima e BMW adesso

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Superbike, Gianni Ramello

Superbike: GoEleven diventa “Storie di una vita” il libro del sogno diventato realtà

Superbike, Scott Redding

Superbike, Scott Redding: “Mondiale difficile al primo tentativo”

ana carrasco

Ana Carrasco, inizia la riabilitazione: le cicatrici sulla schiena