Superbike, Kawasaki

Superbike: Test Aragon, quanto andrà veloce la nuova Kawasaki?

La Kawasaki gira per due giornate al Motorland Aragon con Jonathan Rea e Alex Lowes: il rettilineo da oltre un chilometro darà un verdetto importante

24 novembre 2020 - 10:06

Tocca alla Kawasaki campione del mondo calare il sipario sulla stagione Superbike 2020. Jonathan Rea e Alex Lowes infatti gireranno per due giornate (25-26 novembre) al Motorland Aragon, per continuare lo sviluppo della ZX-10RR ampiamente rinnovata rispetto alla Ninja che domina il campionato da sei anni. In pista non ci saranno concorrenti: Ducati, Yamaha, Honda e BMW torneranno in azione da gennaio in poi. Non c’è ancora una bozza di calendario 2021 ma è noto che il round iniziale dovrebbe essere a Jerez, intorno a fine aprile. Quindi il tempo per i test non mancherà.

La prova della velocità

L’obiettivo degli ingegneri Kawasaki era migliorare le prestazioni del motore, senza modificare le caratteristiche del veicolo. Grazie all’alleggerimento di parecchi componenti interni, il quattro cilindri in linea ha guadagnato 5-600 giri, quindi una notevole iniezione di cavalli. Ma non solo, la nuova ZX-10RR ha ampi profili ricavati sul frontale della moto, per offrire un aumento dell’effetto di deportanza del 17%,  quindi maggiore stabilità d’avantreno, I profili sul posteriore sono studiati per aumentare l’efficienza aerodinamica. Il Motorland Aragon ha un rettilineo da oltre un chilometro, quindi è il tracciato ideale per questo genere di verifica: quanto avrà guadagnato la Kawasaki in velocità massima?

“Qui andiamo forte, ottima verifica”

Il doppio evento disputato in Aragona ha segnato le sorti del Mondiale 2020. “Qui andiamo molto forte, per cui sarà bello avere un’idea di quale sia al momento il nostro livello” spiega Jonathan Rea. “Jerez è stato poco più di uno shake down, ma abbiamo già capito che la nostra nuova Superbike è un bel passo avanti. In queste due giornate al Motorland cercheremo di capire meglio il carattere del motore, che è decisamente diverso dal precedente. Dopo ci sarà una lunga pausa, quindi il test è importante: bisogna incanalare lo sviluppo nella giusta direzione.”

1 commento

fabu
16:35, 24 novembre 2020

se andrà veloce quanto è brutta, direi molto.

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Superbike, Carl Fogarty

Carl Fogarty: “La MotoGP è stata il chiodo nella bara per la Superbike”

Superbike Honda

Superbike retrospective: Honda CBR 1000 RR Fireblade, terza parte L’ultima moto di Hayden

Honda CBR1000RR Fireblade

Superbike retrospective: Honda CBR 1000 RR Fireblade, seconda parte La lama tronca del team Ten Kate