Superbike, Jonathan Rea

Superbike Teruel, Jonathan Rea e la magia del grip

Come fa il Cannibale a vincere le gare con la Kawasaki che becca 10 km/h e due decimi sul dritto dalla Ducati? Gestisce così bene le gomme da far venire un dubbio...

1 settembre 2020 - 17:52

La Superbike si lancia verso la sfida bis del Motorland: stessa pista, identiche gomme, simili temperature. Viste le premesse, è difficile che gli equilibri cambino. Aragon, con quel rettilineo da oltre un chilometro, sulla carta doveva essere il jolly Ducati nella volata Mondiale. Ma, a conti fatti, Jonathan Rea lo scorso week end ha guadagnato altri sei punti a Scott Redding. Un contropiede che potrebbe avere un peso consistente nell’inerzia di questo campionato. Se il fuoriclasse Kawasaki riuscisse a ripetersi (due vittorie e un secondo posto), sarebbe un colpo severo alle speranze iridate Ducati.

Kawasaki prende paga sul dritto 

Emerge un dato interessante: la Ninja di Jonathan Rea lo scorso week end è stata drammaticamente più lenta della Ducati Panigale. Lo dicono i dati ufficiali: in gara 1 il campione in carica è stato uno dei più lenti sul dritto, soltanto 18° con 314 km/h contro 324 di Scott Redding, che poi ha vinto. In Superpole Race: Rea 17° velocità (313 km/) contro Redding nuovamente a 324 km/h. Stessa musica in gara 2: Rea sempre 17° velocità (311 km/h), Redding 319 km/h. E’ un divario importante: nel T4 (il settore che comprende tutto il rettilineo e l’ultima curva) Rea incassava ogni volta 2 decimi. La domanda sorge spontanea: come ha fatto Jonathan Rea a fare così tanta differenza sulla collina del Motorland, cioè la parte guidata, tanto da vincere due gare su tre?

Il mago dell’aderenza

Il segreto di Jonathan Rea è la capacità di sfruttare al limite le gomme. E’ diventato maestro nel difficilissimo gioco di conservare l’aderenza per quando serve, giocando sul ritmo con il bilancino del farmacista. Ma non è tutto qui: il 33enne nordirlandese nei test precedenti la ripresa del Mondiale, ha imparato a cambiare posizione di guida durante la gara, caricando più o meno avantreno e posteriore in base alle necessità di durata della mescola.  Con questo gioco d’equilibrio, il Cannibale riesce anche a controllare la temperatura d’esercizio, mantenendola nel range ideale per far rendere le gomme al massimo per più giri degli altri. Il resto del lavoro lo fa l’elettronica Kawasaki. Su questo specifico aspetto la vetustà del progetto Ninja è un vantaggio: potendo lavorare su una moto “antica”, della quale il team KRT conosce ormai ogni più piccolo aspetto e reazione, sta permettendo agli elettronici (italiani) di adattare i controlli al millesimo in base anche alla più impercettibile variazione di temperature d’asfalto e di esercizio dello pneumatico.

La prima fila adesso è decisiva

Questa Superbike è di così alto livello che pare la MotoGP. Tantissimi fattori possono far pendere l’ago della bilancia. La posizione di partenza è uno di questi. Anni fa la posizione in griglia era abbastanza ininfluente, perchè le gomme andavano in crisi velocemente, per cui all’inizio nessuno tirava e i recuperi erano agevoli. Adesso invece partono tutti a tutto gas, e spingono come ossessi fino alla fine. In gara 2 Jonathan Rea ha fatto il giro veloce al secondo passaggio (1’50″102), poi si è mantenuto quasi tutto il tempo sotto il muro di 1’51”. Al diciottesimo e ultimo giro aveva ancora gomma sufficiente per fare 1’51″172. Partire davanti è fondamentale, ecco perchè la Kawasaki sta lavorando tantissimo anche per preparare la Superpole. Johnny non è mai stato un mago del giro tutto-o-niente, ma quest’anno è scattato dalla pole due volte su quattro, e sempre in prima fila.

Jonathan Rea ne ha ancora in tasca?

C’è un dettaglio che fa parecchio pensare. Al 14° giro di gara 2 il numero 1 è finito largo all’ultima curva (“Ho sbagliato marcia, non entrava la terza”) perdendo un secondo preciso e permettendo a Chaz Davies di sorpassarlo. Sembrava la svolta. Invece Rea, nei settori più guidati, è tornato immediatamente all’attacco, riprendendosi due volte la prima posizione. A quattro giri dalla fine la Ducati non aveva più grip per tenere testa, la Kawasaki sembrava ancora correre su un binario. Sorge un dubbio: domenica scorsa Jonathan Rea era al limite, oppure ne aveva ancora in tasca?

2 commenti

albi88_8097770
15:08, 2 settembre 2020

Rea è il Marquez della sbk,purtroppo per Ducati,non ha la moto migliore,visto dove finiscono le altre Kawasaki ma lui riesce sempre a vincere,per Ducati invece ha la moto vincente,visto anche le bellissime gare del privato Rinaldi,ma non ha i piloti,come in motogp

Ringhietto
9:30, 2 settembre 2020

Analisi estremamente lucida ed esaustiva, l’unico modo per verificare l’ultima affermazione sarebbe stato un confronto con un Chaz partito meglio e con gomme meno stressate…innegabile che con i se e i ma non si vincono i mondiali 🙂

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Superbike, Garrett Gerloff

Superbike: Garrett Gerloff scala il podio, e se fosse solo l’inizio?

Superbike, Scott Redding

Superbike, Scott Redding ci ha messo il cuore ma per il Mondiale non basta

andrea locatelli supersport

Supersport: Andrea Locatelli Campione, una sfida rivelatasi vincente