Superbike, Michael Rinaldi a Misano

Superbike, Rinaldi superstar: “Criticato come Rossi e Marquez”

Michael Rinaldi conquista la sua prima vittoria stagionale in Superbike. E si toglie qualche sassolino dalla scarpa: "Criticano Rossi e Marquez, quindi anche me".

12 giugno 2021 - 22:19

Per Michael Rinaldi è stata la gara perfetta. Nel primo round Superbike a Misano ha messo a segno una prestazione da campione. Scattato dalla seconda fila ha spinto sul gas e dopo appena due o tre curve si è messo in testa, senza dare scampo agli inseguitori. Ci ha provato Jonathan Rea per alcuni giri, fino al miracoloso salvataggio che lo ha costretto a guardare a distanza la Ducati V4R. Sarà il punto di svolta per il pilota romagnolo? Una parziale risposta l’avremo con la Superpole Race e la Gara-2.

Una prestazione da campione

Primo successo da pilota ufficiale, secondo nel World SBK, sin dal venerdì ha sfoggiato un ottimo feeling sul tracciato adriatico. “Avevo un buon ritmo, ma avrei potuto aggiungere qualcosa in più“, ha rivelato Michael Rinaldi al termine della giornata. “Ma quando Johnny ha commesso un errore e io ero quattro secondi avanti, ho cercato di tenere il mio ritmo senza esagerare. Anche se Johnny era solo 0,2 o 0,3 secondi dietro di me, mi era chiaro che dovevo continuare a spingere per indurlo ad un errore. Non volevo che si arrivasse all’ultimo giro, perché poi difficilmente può essere battuto“.

Gara di casa onorata al meglio per Rinaldi, che nelle settimane precedenti ha dovuto assorbire le prime critiche. “Ma è così, anche Rossi e Marquez hanno delle critiche, quindi perché non io – ha aggiunto l’alfiere del team Aruba.it Racing -. Sono rimasto concentrato e volevo fare una buona gara qui. Non è andata male all’Estoril e adoro la pista di Misano. Non avrei potuto desiderare di meglio per come è andata“. Una vittoria frutto di un ottimo lavoro di squadra, in cui anche i vertici di Borgo Panigale si sono stretti intorno al box. Adesso l’obiettivo è proseguire su questa scia per puntare al titolo Superbike. “Dobbiamo ancora migliorare un po’ negli ultimi giri della domenica di gara, ma è marginale – ha concluso Michael Rinaldi -. La squadra e la moto lavorano in modo fantastico qui“.

Foto e video: Instagram aruba.it_racing

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Superbike, Jonathan Rea

Superbike Assen, Prove 2: Jonathan Rea la simulazione è da paura

Superbike, Alvaro Bautista

Superbike, Redding sulle spine: Ducati-Bautista ritorno di fiamma?

Superbike, Scott Redding

Superbike Assen, Prove 1: Redding ruggisce, Rea risponde