Loris Baz

Superbike Misano, Prove 3: Loris Baz mago del bagnato

Il francese della Yamaha Ten Kate, ha fatto il miglior tempo in una FP3 con pista poco bagnata. Alvaro Bautista terzo, Jonathan Rea non ha girato

22 giugno 2019 - 9:26

Loris Baz, con la Yamaha Ten Kate, è stato il più rapido nei venti minuti della terza sessione di prove Superbike a Misano. Si è girato con gomme da bagnato, anche se l’acqua in pista non era molta. Quindi condizioni ibride, che difficilmente si ripresenteranno nel corso del week end. Per questo motivo Jonathan Rea non è neanche sceso in pista, imitato – fra gli altri – da Tom Sykes e Michael Rinaldi.  Alvaro Bautista ha fatto il terzo tempo, preceduto anche da Alex Lowes. Nelle due sessioni del venerdi, sull’asciutto, Loris Baz aveva il diciassettesimo tempo (qui cronaca e tempi)

DELBIANCO QUARTO TEMPO

La prima volta che la Superbike correrà sul bagnato sarà molto intrigante vedere in azione Alessandro Delbianco, che dà l’impressione di essere un ottimo “anfibio”. Con la Honda CBR-RR del team Althea il 21enne romagnolo ha stampato un bel quarto tempo, precedendo pezzi grossi come Marco Melandri, Leon Haslam e Chaz Davies. Tra l’altro nelle prove di venerdi Delbianco, diciannovesimo tempo, si è tolto la soddisfazione di fare meglio dei due piloti Honda HRC, cioè Ryuichi Kiyonari e Yuki Takahashi.

METEO, RISCHIO TEMPORALI PER GARA 1

Il meteo promette miglioramenti per la tarda mattinata, per cui la Superpole si dovrebbe disputare sull’asciutto. Dopo è previsto un peggioramento, con possibili temporali a partire dalle 14:00, cioè l’orario di partenza di gara 1 prevista sulla distanza di 21 giri. Le condizioni sono date in progressivo peggioramento, con percentuale di precipatazioni crescente con il passare delle ore.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Superbike, Aprilia

Superbike, “Far correre l’Aprilia 1100 nel Mondiale? Non se ne parla”

Superbike, Scott Redding

Superbike, Scott Redding: “Mondiale difficile al primo tentativo”

ana carrasco

Ana Carrasco, inizia la riabilitazione: le cicatrici sulla schiena