Lavoratori in sciopero al Motorland

Superbike: Metà lavoratori del Motorland sono in sciopero

Rumorosa contestazione dei dipendenti del circuito in sciopero all'ingresso del Motorland. Ma le operazioni in pista e nel paddock sono regolari

5 aprile 2019 - 9:46

Un rumoroso picchetto di lavoratori in sciopero presidiava l’ingresso del paddock del Motorland Aragon a due ore dall’inizio della prima sessione di prove libere del terzo round del Mondiale Superbike (qui gli orari TV) al Motorland di Aragon. Una trentina di dipendenti, controllati dalla security, ha fatto notare la loro presenza con striscioni e trombe al personale delle squadre e addetti ai lavori in arrivo al circuito.

PROTESTA DA CORSA

Circa metà dei dipendenti del Motorland Aragon è scesa sul piede di guerra proprio nella settimana che coincide con l’arrivo del Mondiale, il secondo evento per importanza ospitato da questo impianto, dopo la MotoGP che qui farà tappa in settembre. La rivendicazione riguarda la sperequazione salariale tra i dipendenti pubblici impiegati in altri settori e gli impiegati del Motorland. Inutili finora i tentativi di mediazione. La protesta, a prima vista, non sembra incidere sulle operazioni in circuito. Le prove sono cominciate regolarmente e anche i servizi (media center, paddock, punti ristoro) sono operativi.

Foto: Lacomarca.net

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Jonathan Rea

Superbike: Jonathan Rea, la vittoria è un’ossessione

Superbike, Alvaro Bautista

Superbike: Alvaro Bautista “Gomma distrutta, battaglia in fumo”

Superbike, Argentina

Superbike Argentina: La Federazione precisa “La pista era in ordine”