Leon Camier

Superbike: Leon Camier non ce la fa, rinviato il ritorno sulla Ducati Barni

Ancora problemi alla spalla sinistra per il pilota britannico. Che rinuncia al provino di Portimao e spera di recuperare in tempo per l'apertura di Phillip Island

26 gennaio 2020 - 16:34

Leon Camier non girerà nei test di Portimao, contrariamente a quanto annunciato da Barni Ducati nei giorni scorsi. L’ex campione BSB avrebbe dovuto compiere qualche giro sulla Ducati V4 R per verificare le condizioni della spalla sinistra lesionata per la seconda volta a metà novembre ad Aragon. Ma dopo esser salito in sella alla moto ferma nel box, Camier ha capito che le condizioni dell’arto non sono ancora ottimali e non avrebbe avuto senso rischiare. L’obiettivo adesso è rimettere la spalla a posto per l’apertura Mondiale a Phillip Island. Intanto  il sostituto Sandro Cortese  sta portando avanti lo sviluppo della Ducati e in particolare delle sospensioni Showa.

LEON CI RISIAMO

L’infortunio nei test di novembre non è stato così serio come quello ad Imola nel maggio 2019, ma neanche questo è uno scherzo” ha detto Leon Camier. “Ho dovuto ricostruire di nuovo i tendini, e non ho ancora recuperato la forza necessaria.” Anzi, sembra che, con l’aumentare dei carichi d’allenamento, le condizioni nelle ultime settimane si siano aggravate. Ricordiamo che il pilota inglese ha perso gran parte della scorsa stagione per identici problemi alla spalla. Il nuovo infortunio, nello stesso punto, ha di nuovo complicato la situazione. Bene che vada Leon Camier arriverà in Australia con all’attivo pochissimi giri sulla Ducati Barni. Sempre che ce la faccia a recuperare…

SANDRO CORTESE MOLTO VELOCE

Intanto, in pista, il sostituto si sta dando molto da fare.  Nella fase finale della prima giornata di test a Portimao (qui i tempi provvisori)  Sandro Cortese naviga intorno alla decima posizione, ad un solo secondo dai piloti di vertice. Niente male, considerando che per lui si tratta dei primi giri con la Ducati V4 R su pista asciutta.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Superbike, Loris Baz

Superbike: Loris Baz, il motore Yamaha 2020 arriverà dopo lo stop forzato

Superbike, Michael van der Mark

Superbike, Olanda in agosto piace a van der Mark: “Stavolta non nevicherà”

Superbike, Gregorio Lavilla

Superbike, Lavilla: “Dobbiamo ridurre gli effetti collaterali”