PJ Jacobsen

Superbike Laguna Seca: Se Laverty non ce la fa, pronto PJ Jacobsen

Il 25enne americano subentrerà sulla Ducati V4R in caso di nuova rinuncia di Eugene Laverty, che proverà le sue condizioni nella FP1 di venerdi

11 luglio 2019 - 18:30

PJ Jacobsen salirà sulla Ducati Go Eleven nel round Mondiale Superbike a Laguna Seca nel caso Eugene Laverty non fosse ancora in grado di correre. Il 32enne nordirlandese è ancora convalescente per la frattura di entrambi i polsi subìta nelle prove del round di Imola, lo scorso maggio. A Donington, pochi giorni fa, Laverty ha disputato le due sessioni di prova del venerdi, realizzando l’ultimo tempo a oltre tre secondi dalla vetta. Lo stesso giorno aveva realizzato che  non sarebbe riuscito a correre, ma il team Go Eleven aveva deciso di non sostituirlo.

PJ PRONTO 

Stavolta la formazione piemontese si è cautelata convocando una riserva, scegliendo un pilota americano, anche coi buoni uffici del promoter. Se correrà, PJ sarà l’unico pilota di casa a disputare il round a stelle e strisce. Ricordiamo che per regolamento il team ha facoltà di sostituire il pilota titolare entro le ore nove del sabato mattina, cioè prima della terza e ultima sessione di prove. “Laverty vuole provarci a tutti i costi, anche se la situazione non è certo cambiata molto rispetto alla scorsa settimana” spiega il direttore sportivo di Go Eleven, Denis Sacchetti. “La voglia di rientrare a tutti i costi gli fa onore, e ci carica moltissimo”. Ma se andasse male anche questa volta, la Ducati V4R sarà comunque in pista.

RIENTRO NEL MONDIALE

PJ Jacobsen lo scorso anno ha gareggiato nel Mondiale con la Triple M, formazione satellite Honda. Migliore piazzamento un decimo posto in Thailandia. In precedenza ha gareggiato per varie stagioni nel Mondiale Supersport, sfiorando il titolo nel 2015.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Superbike, Sandro Cortese

Superbike: Sandro Cortese a piedi “Magari vado in Endurance”

Superbike, Toprak

Superbike: Yamaha 2020 solo per Toprak e van der Mark

Scott Redding

Superbike: Scott Redding “Ducati ha tutto per vincere”