Superbike, Jonathan Rea

Superbike, Jonathan Rea spalle al muro: “Serve un’arma contro Toprak”

Jonathan Rea rincorre il Mondiale Superbike 2021 e a Portimao si gioca il tutto per tutto. Kawasaki sembra al limite, Toprak Razgatlioglu il favorito.

28 settembre 2021 - 8:10

Nel round di Superbike a Jerez Jonathan Rea ha perso 19 punti, il distacco dal leader Toprak Razgatlioglu aumenta a 20 quando mancano tre week-end alla fine del Mondiale. Il settimo titolo iridato rischia di svanire se a Portimao non ci sarà una decisiva sterzata. E quello portoghese è un tracciato che sulla carta sembra favorevole alla ZX-10RR. Il dato di fatto è che a Most, Navarra, Magny-Cours, Barcellona e Jerez, Johnny Rea non è riuscito a vincere nessuna delle gare principali. L’ultima vittoria in una gara lunga risale allo scorso luglio ad Assen.

Johnny e Kawasaki al limite

Kawasaki è il terzo costruttore della Superbike, i team clienti affondano in classifica. Non è una buona stagione per la Casa campione in carica. Il quinto posto in gara-2 a Jerez ha messo in evidenza come la moto verde sia in difficoltà con le gomme. “Ho avuto gli stessi problemi di Barcellona, ​​avevo zero grip con la mescola morbida e non riuscivo a fermare la moto. È frustrante, perché di solito vado veloce sulla morbida, ma oggi ho sofferto. Bisogna capire il perché. Mi dispiace molto perché ero molto motivato, ogni volta che frenavo mi trovavo in difficoltà“.

Nel prossimo week-end va in scena il terzo Gran Premio consecutivo, l’anno scorso Jonathan Rea ha collezionato tre vittorie su tre. Per l’iridato potrebbe essere l’ultima spiaggia, contro una Yamaha R1 che sembra veloce e costante su ogni layout. A fronte del Cannibale che non smette di dichiarare di essere sempre al limite. “Mi aspetto molto di più da Portimao che in queste ultime gare, penso che sarò più competitivo lì, è una pista che si adatta meglio alle mie qualità. Non sarà facile, ma il campionato è ancora lungo, devo ancora correre in Portogallo, Argentina e Indonesia. Nel 2016 ho già dovuto lottare con Davies, nel 2019 con Bautista e ho sempre cercato di recuperare quando ero in difficoltà – ha concluso Rea -. Ma ovviamente ho bisogno di un’arma per combattere con Toprak“.

Jonathan Rea “In Testa, la mia autobiografia” In vendita anche su Amazon Libri

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Superbike, Mandalika

Superbike: Gran finale, a che punto è il Mandalika Street Circuit?

Superbike, Scott Redding

Superbike, Scott Redding: il salto nel vuoto con BMW

motogp 2021

MotoGP/SBK: cambia il limite d’età per Mondiali e campionati minori