Superbike, Jonathan Rea

Superbike, Jonathan Rea: “Siamo al limite, difficile da accettare”

Jonathan Rea vede allontanarsi la testa della classifica Superbike dopo il round di Jerez. Il 5° posto in gara-2 delude, problemi con la gomma SCX.

26 settembre 2021 - 19:30

Jonathan Rea subisce altre due sonori schiaffi iridati da Toprak Razgatlioglu nel round di Superbike a Jerez. La Yamaha R1 del pilota turco assume fiducia, velocità e soprattutto punti. L’ultimo trionfo del nordirlandese in una gara principale risale ad Assen nello scorso luglio. Da allora solo in occasione della Superpole Race è riuscito a salire sul gradino più alto: a Magny-Cours dopo il penalty inflitto all’avversario e a Barcellona.

Si allunga l’elenco delle battute d’arresto e si allontana la vetta della classifica che ora dista 20 lunghezze. Nella prima manche ha tenuto il passo di Toprak fino all’ultimo giro classificandosi secondo. In gara-2 strappa a fatica un 5° posto dopo aver lottato a lungo con Bautista, Locatelli, Rinaldi e Bassani. “È stata una gara frustrante e difficile. Alla fine sono riuscito a superare Rinaldi quando stava diventando sempre più lento. Poi ho inseguito Locatelli e Bautista, ma non mi sono avvicinato molto a loro. È frustrante perché sento che abbiamo ottenuto il massimo dalla nostra moto. Siamo al limite in molti ambiti e questo è difficile da accettare“.

Problema gomme e contatti

Nel prossimo week-end il campionato Superbike approderà a Portimao, sulla carta dovrebbe essere una pista favorevole alla Kawasaki e Jonathan Rea. Ma ancora una volta bisogna fare i conti con le gomme e la mancanza di grip, soprattutto con la SCX. “Non avevo aderenza e decelerare in curva era complicato. “A differenza del solito, quando prendiamo la gomma SCX e siamo almeno 0,5 secondi più veloci, qui non eravamo più veloci. Ed è stato strano che siamo stati costanti con l’SCX fino alla fine, ma costantemente troppo lenti. Di solito siamo più veloci all’inizio, ma verso la fine abbiamo un calo significativo delle prestazioni“.

In gara-1 Jonathan Rea e Toprak Razgatlioglu si sono toccati, il sei volte campione ha corso il serio rischio di finire a terra. Ma fa parte del gioco, soprattutto quando in ballo c’è il titolo mondiale. “Devi sempre essere preparato per tali azioni con lui. Anche all’inizio è stato molto aggressivo per prendere il comando. Ma è veloce e può farcela perché ha il feeling giusto. A volte devi guidare così, ma c’è stato un contatto e queste sono le corse“.

Jonathan Rea “In Testa, la mia autobiografia” In vendita anche su Amazon Libri

2 commenti

FRA 1988
7:15, 27 settembre 2021

Pilota e moto sembravano al top ma Razgatlioglu sta facendo la stagione della vita. Mai nessun pilota prima di Toprak si era dimostrato forte quanto Rea in bagarre.
Il fattore gomme è un altro tasto delicato ma è così per tutti. Rea è alle spalle al muro e non ha mai realmente vissuto una situazione del genere. Nel 2019 stava patendo Bautista ,ma nelle gare negative faceva 2° non 5°.

    voiedegarag_15199617
    10:57, 27 settembre 2021

    “nessun pilota prima di Toprak si era dimostrato forte quanto Rea in bagarre”
    “Nel 2019 stava patendo Bautista, ma nelle gare negative faceva 2° non 5°”

    Due proposizioni verosimili, che io sappia.
    Il problema è che se si vuole comprendere se il punto debole sia la ZX-10R o Rea, una delle due proposizioni è da scartare o almeno ridurre, salvo voler distribuire le responsabilità metà e metà.

    Ma la differenza tra le due proposizioni è che la seconda ha dei riscontri oggettivi che la prima non ha.
    Ergo è più probabile che il problema sia la moto.

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Superbike, Jonathan Rea e Toprak Razgatlioglu

Superbike, Jonathan Rea: “Nulla da perdere”. Toprak: “Voglio vincere”

Superbike, Toprak Razgatlioglu

Superbike, Razgatlioglu manca il tris: problemi tecnici in gara-2

Superbike, Jonathan Rea

Toprak perfetto ma ecco perchè Rea tiene la Superbike ancora in ballo