Jonathan Rea, Superbike

Superbike, Jonathan Rea nervoso: “Preferisco tacere, non cerco scuse”

Jonathan Rea chiude il week-end di Superbike in Catalunya con il 4°-1°-6° posto. In classifica mondiale insegue Toprak Razgatlioglu a +1.

20 settembre 2021 - 7:00

Jonathan Rea e Toprak Razgatlioglu continuano ad alternarsi in vetta alla classifica Superbike. Dopo il week-end al Montmelò è il turco a farsi avanti con un punto di vantaggio e nonostante uno zero in gara-1. Ancora una volta il campione della Kawasaki deve giocare in difesa, con una vittoria in gara sprint e nessun podio nei round principali.

Nel primo match catalano Rea è arrivato 4° al traguardo, potendo approfittare (in parte) del problema tecnico del rivale Yamaha. Vince in Superpole Race e accresce il vantaggio su Toprak, ma in gara-2 è arrivato solo sesto, perdendo dieci punti dal diretto avversario. Risuona un campanello d’allarme nel box Kawasaki? “Non abbiamo sfruttato il nostro potenziale questo fine settimana“, ha dichiarato il nordirlandese. “La gara della Superpole è stata bella e divertente, è stata una bella lotta con Toprak. Erano solo più di cinque giri, quindi tutto dipendeva da chi voleva vincere di più e chi era più intelligente con il set-up“.

Sulla distanza di gara, invece, Johnny non riesce a trovare un feeling ottimale con le gomme. “Ho avuto problemi con la fase di frenata fin dall’inizio, il mio passo a metà gara era pessimo. La moto spingeva in ogni curva, non potevo rallentarla correttamente o guidarla senza problemi. È stata una sorpresa e una delusione. Con qualche decisione migliore avremmo potuto essere molto più competitivi“.

Ma Jonathan Rea non si allunga su questo aspetto, pur non nascondendo un certo fastidio per come si sta mettendo questa stagione Superbike. “Preferisco tacere. Non voglio nemmeno cercare scuse per cui avremmo dovuto lavorare meglio. Ho dovuto lottare duramente per il sesto posto, è dura. Qui le condizioni erano molto diverse rispetto a quelle del test. Ma è così che va su questa pista, può cambiare drasticamente da un giorno all’altro“.

Jonathan Rea “In Testa, la mia autobiografia” In vendita anche su Amazon Libri

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Superbike, Mandalika

Superbike: Gran finale, a che punto è il Mandalika Street Circuit?

Superbike, Scott Redding

Superbike, Scott Redding: il salto nel vuoto con BMW

motogp 2021

MotoGP/SBK: cambia il limite d’età per Mondiali e campionati minori