Superbike, Jonathan Rea e Toprak Razgatlioglu

Superbike, Jonathan Rea: “Ho capito le tattiche di Razgatlioglu”

Jonathan Rea vuole riprendersi il titolo mondiale Superbike nel 2022. Dopo la lunga sfida con Toprak Razgatlioglu ammette: "Merita il mio rispetto".

9 dicembre 2021 - 12:45

Jonathan Rea attende il primo test invernale di Superbike a Jerez. Dal 15 al 17 proverà la nuova Kawasaki ZX-10RR del 2022 con cui cercherà a riprendersi il trono iridato finito nelle mani di Toprak Razgatlioglu. I due campioni hanno offerto una delle stagioni più avvincenti nella storia delle derivate di serie degli ultimi anni. Una sfida combattuta fino all’ultimo round in Indonesia e, anche a Mondiale ormi assegnato, il Cannibale non si è arreso, vincendo entrambe le manche.

Le quattro cadute stagionali sono costate care al nordirlandese, costretto in certi circuiti ad andare al limite per tenere la scia del podio. In qualche occasione forse non si è accontentato, ma sono solo 13 i punti di distacco nella classifica Superbike 2021. Un gap che si può colmare se gli ingegneri giapponesi sapranno rimboccarsi le maniche. Restano le memorabili scene di una battaglia fra titani che meritano di essere riviste durante lo stop invernale. “Quest’anno in molte gare ho capito meglio la sua mentalità, le sue tattiche, come gestisce la gara e questo mi aiuterà quando combatterò con lui in futuro“.

Rea rende onore al vincitore

Toprak Razgatlioglu si è rivelato un avversario duro. A caldo Jonathan Rea ha avanzato qualche sottile polemica post gara, ma ammette di non avere nulla da recriminare. “Quando ci sono gare difficili sono altrettanto duro“, dice in un’intervista a Crash.net. Dopo sei stagioni di dominio assoluto in Superbike si ritrova a dover rincorrere il pilota turco, ma non è affatto una sorpresa. “L’anno prima avevano fatto degli errori e si era infortunato in Catalunya“. Il campionato 2022 si preannuncia altrettanto emozionante e sarà anche stavolta un duello pulito. “Toprak è un vincitore silenzioso, quindi non puoi non rispettare qualcuno del genere“.

Cosa ha Toprak in più degli altri avversari? La risposta non è semplice neppure per un pluricampione del calibro di Rea. “È difficile fare un confronto con Redding o Bautista perché sono diversi, hanno tutti i loro punti di forza e di debolezza. Ma direi che Toprak ha meno punti deboli degli altri ed è per questo che quest’anno ha vinto il campionato. Era il più veloce e ha commesso meno errori degli altri“.

Jonathan Rea “In Testa, la mia autobiografia” In vendita anche su Amazon Libri

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Superbike Chaz Davies

Superbike, Chaz Davies resta in Ducati: sarà coach del team Aruba

Toprak Razgatlioglu

Razgatlioglu punta al bis Superbike: “La MotoGP non è il mio sogno”

Danilo Petrucci SBK

Danilo Petrucci verso gli Usa: inizia la sfida Superbike con Ducati