Superbike, Leon Haslam

Superbike, HRC ritarda gli annunci. Haslam: “Corro fino a 50 anni”

Per Leon Haslam sarà l'ultima stagione nel Mondiale Superbike, ma continuerà a correre ancora per molto. HRC ritarda gli annunci ufficiali.

21 ottobre 2021 - 12:42

Nella stagione Superbike 2022 Honda Racing Corporation schiererà in griglia il 24enne Xavier Vierge e il 21enne Iker Lecuona. Gli annunci ufficiali tardano però ad arrivare. Un vero e proprio restyling per la Casa dell’Ala dorata. Attualmente porta in pista Alvaro Bautista e Leon Haslam, i piloti più anziani del campionato, dal prossimo anno avrà invece la line-up più giovane. Un azzardo non da poco se si considera che sia Lecuona che Vierge non hanno nessuna esperienza nel WorldSBK e con le gomme Pirelli. L’ultimo titolo iridato in casa HRC risale al 2007 ad opera di James Toseland.

Il destino di Haslam

Bautista ha un futuro assicurato con Ducati dopo aver firmato un biennale che sancisce il ritorno sulla Rossa. Il 38ene Haslam, invece, dovrebbe migrare nel BSB dopo l’ultima gara in Indonesia. Finora ha disputato 313 gare nel Mondiale Superbike e conquistato 45 podi (5 vittorie). La sua miglior stagione risale al 2010 quando concluse secondo in classifica con la Suzuki, alle spalle di Max Biaggi. A Lombok vuole esserci nella terza settimana di novembre, nonostante l’intervento al bicipite destro effettuato a Barcellona.

Il pilota britannico non ha nessuna intenzione di ritirarsi. “Correrò fino a 50 anni“, ha detto a Speedweek.com “Mi hanno contattato molte squadre del Campionato Britannico, MotoAmerica e del Campionato Mondiale Endurance. Non sono preoccupato di non essere nel Mondiale Superbike finché non ho una moto per vincere. Alla mia età non voglio correre per una squadra satellite dove il quinto posto sarebbe un buon risultato. Anche se mi venisse offerto un posto del genere ora, non sarebbe interessante“.

Per Leon Haslam sarà sicuramente l’ultima stagione in Superbike, ma la sua carriera proseguirà. “So di essere veloce e di poter vincere ancora. Anche se negli ultimi anni non abbiamo ottenuto i risultati che meritiamo. Solo due cose sono importanti per il mio futuro: che mi diverta e vinca delle gare. So che la mia carriera non durerà per sempre, quindi devo sempre dare il 100%, non importa dove guido. Alla fine non voglio rimpiangere nulla“.

“58” il racconto illustrato ispirato al mito SIC58,  In vendita anche su Amazon Libri

Foto: Getty Images

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

yamaha replica superbike toprak

Superbike, ecco la replica della Yamaha R1 mondiale con Razgatlioglu

Superbike, Jonathan Rea

Superbike, Jonathan Rea: il vero motivo della crisi Kawasaki

Superbike, Scott Redding

Superbike, Scott Redding prepara il primo test BMW