Michael Rinaldi

Superbike: Michael Rinaldi un’altra occasione, Go Eleven passa alle Ohlins

La formazione satellite Ducati è passata alle sospensioni Ohlins dando fiducia al giovane riminese. Buona la prima

25 gennaio 2020 - 17:08

Nella due giorni di test a Jerez Michael Rinaldi ha debuttato con la Ducati del team Go Eleven, che ha scelto il 24enne per sostituire Eugene Laverty. E’ la stagione del rilancio per la formazione piemontese, dopo le traversie legate agli infortuni 2019 del pilota irlandese. Novità tecnica di rilievo: interrotto il rapporto con Bitubo, Go Eleven gareggerà con le Ohlins. Questo cambiamento permetterà una maggiore condivisione di dati con la formazione ufficiale Ducati. Già a fine novembre, pur non partecipando al test, alcuni tecnici di Go Eleven avevano seguito il lavoro all’interno del box Aruba.it Il legame fra reparto corse e team satellite sarà ancora più stretto che in precedenza.

BUONA LA PRIMA

Pur ostacolato dal maltempo, il debutto di Rinaldi è andato in archivio con 48 giri compiuti, il migliore in 1’43″879, nona prestazione assoluta (qui la classifica completa). Le condizioni della pista non hanno permesso ai tecnici di portare a termine il programma di collaudo previsto, ma l’occasione è stata comunque utile per permettere al pilota di lavorare sulla posizione di guida. Rinaldi ha già guidato la Ducati V4 R nel Mondiale 2019, con il team Barni.

“A PORTIMAO SPERO NEL…SOLE”

Sono stati due giorni particolari perché il meteo non ci ha dato tregua” commenta Michael Rinaldi. “Abbiamo avuto due ore di pista “maculata” su cui siamo riusciti a montare le slick; ci sono servite per capire le cose più importanti ed anche per far conoscere il mio metodo di lavoro alla squadra e viceversa. Abbiamo svolto il nostro programma tranquilli, con metodo e sono soddisfatto di quanto eseguito. Ancora siamo agli inizi, era solo il primo test dell’anno, quindi ci sono ancora molti punti da migliorare e sistemare. L’aria che si respira dentro il box è bella e serena; adesso ci mettiamo in viaggio verso Portimao, dove non dovrebbe piovere, e dove continueremo il processo di affinamento tra me, la squadra e la moto”.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Superbike, Jonathan Rea

Jonathan Rea e Valentino Rossi destini diversi “Se corro ancora a 41 anni, ditemi di smettere””

Superbike,Marco Melandri

Superbike: Marco Melandri, la pazza idea del ritorno Mondiale con Ducati

Superbike, Alvaro Bautista

Superbike: Alvaro Bautista in ritardo, che succede alla Honda?