Toprak, Superbike

Superbike Estoril, prove 1: Toprak Razgtalioglu meglio di Jonathan Rea

Toprak Razgatlioglu è stato più veloce di Jonathan Rea nella prima sessione di prove del round portoghese del Mondiale Superbike all'Estoril.

28 maggio 2021 - 12:20

Toprak Razgatlioglu è stato più veloce di Jonathan Rea nella prima sessione di prove del round portoghese del Mondiale Superbike all’Estoril. Il turco della Yamaha ha girato in 1’36″920 contro 1’37″501 dell’iridato, risalito al vertice della classifica dopo in coda ad una sessione più faticosa del normale. La Kawasaki ha piazzato l’altra Ninja di Alex Lowes al terzo posto. Con la Ducati Scott Redding è quarto davanti all’ottimo Eugene Laverty con la BMW e all’altro ducatista Chaz Davies. Siamo appena all’inizio, ma il talento turco è arrivato a soli quattro decimi dal primato ufficiale, da lui stesso siglato lo scorso ottobre.

Rea lenta risalita

Stavolta il Cannibale non è partito lancia in resta come ad Aragon, ci ha messo una quindicina di giri per trovare il bandolo della matassa. Ma poi è balzato in testa, prima di essere scalzato all’ultimo tuffo da Toprak: il confronto fra l’iridato e quello che per anni è stato un pò il suo “protetto” può rendere incandescente il fine settimana sulla costa atlantica. Scott Redding ha compiuto il cammino inverso: è partito forte ma nel finale si è parcheggiato in quarta posizione. Su questo tracciato stretto e tortuoso Yamaha e Ducati però sembrano molto più vicine a Kawasaki di quanto non fosse apparso nel week end precedente in Spagna, dove Jonathan Rea ha vinto due gare su tre.

BMW graffia con Eugene 

E’ molto bello ritrovare Laverty nelle posizioni che contano. L’irlandese, appoggiato da BMW al team italiano RC, non ha fatto i test invernali, ma qui sta facendo correre forte la nuova M. Con la stessa moto si  anche Jonas Folger è andato bene, settimo, meglio di Tom Sykes nono. Il tedesco è reduce da un debutto iridato sotto le aspettative.

Alvaro Bautista due volte a terra!

Lo spagnolo della Honda è partito a testa bassa, segnando immediatemente ottimi riscontri. Ma dopo appena quattro giri compiuti, è scivolato alla curva tre, rialzandosi senza danni fisici e con la Honda quasi indenne. Nel finale, dopo la riparazione, è tornato dentro ma è scivolato per la seconda volta. Al Motorland Aragon Bautista ha raccolto appena otto punti: week end condizionato da una violenta caduta in gara 1 innescata dalla rottura del sensore del controllo di trazione. Sessione da dimenticare pure per Michael van der Mark.  Entrato in pista con mezz’ora di ritardo,  dopo un solo passaggio è rientrato mestamente con la BMW M in panne: problema elettrico.

Il precedente all’Estoril 

Lo scorso ottobre proprio all’Estoril Jonathan Rea ha festeggiato il sesto mondiale di fila, chiudendo quarto gara 1. E’ stato però il tracciato che ha messo più in crisi la Kawasaki: il Cannibale infatti cadde in Superpole (14° in griglia) e poi di nuovo nella sfida finale mentre cercava di recuperare sulle imprendibili Ducati di Chaz Davies e Scott Redding. Alle 16:00 scatta la FP2, qui il programma TV

Jonathan Rea “In Testa, la mia autobiografia” In vendita anche su Amazon Libri

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Superbike, Toprak Razgatlioglu

Superbike, Toprak Razgatlioglu: “Contatti con Johnny Rea? Nessun problema”

Superbike

Superbike: grave trauma cranico per Tom Sykes, rimane in osservazione

Superbike, Michael Rinaldi

Superbike, Michael Rinaldi la vendetta: “Quante critiche dopo Misano!”