Superbike Donington: Go Eleven Ducati non correrà

La squadra satellite Ducati non sostituisce Eugene Laverty e quindi non sarà al via delle tre gare di Donington

6 luglio 2019 - 9:35

Go Eleven Ducati ha deciso di non sostituire Eugene Laverty. La squadra piemontese non sarà al via dell’ottavo round del Mondiale Superbike a Donington. Il pilota irlandese, ancora convalescente per la frattura di entrambi i polsi subita nelle prove del round di Imola, due mesi fa, ha provato le sue condizioni nelle sessioni del venerdi.  Ma dopo aver compiuto 38 giri, realizzando l’ultimo tempo 2″6 più lento di Tom Sykes,  si è reso conto di non poter gareggiare. Qui cronaca e tempi di FP2

COSA DICE IL REGOLAMENTO 

Il regolamento concedeva a Go Eleven la possibilità di un cambio in corsa, entro la terza sessione che scatta alle 09 locali, le 10 in Italia. Ma la squadra ha deciso di non avvalersene. Lo stesso regolamento permette alle formazioni sotto contratto Dorna di saltare, per cause di forza maggiore, un round durante l’intera stagione. Quindi Go Eleven dovrà essere comunque al via del round nove, previsto prossima settimana a Laguna Seca, in California. Eugene Laverty ha dichiarato di volerci essere, quindi – a meno di cambiamenti – non ci sarà bisogno di sostituiti.

LE PAROLE DI EUGENE

Go Eleven aveva già ricorso al cambio d’emergenza a Imola. Quando dopo l’infortunio di Laverty venne convocato in tutta fretta Tommy Bridewell, protagonista del campionato britannico con la Ducati Moto Rapido. Bridewell ha sostituito Laverty anche nel successivo round di Jerez, mentre a Misano sulla V4R è salito Lorenzo Zanetti, entrando brillantemente in top ten.  “Dovevo provare a guidare la mia Ducati V4 R , altrimenti non me lo sarei perdonato” ha commentato Eugene Laverty. “Devo ringraziare il Team Go Eleven per aver modificato in ogni modo possibile la moto, cercando di aiutarmi nella guida. Però, ho realizzato che sono in grado di guidare, ma non ancora di correre. Mi sono visto costretto a prendere la dura decisione di non prendere parte alle restanti prove del weekend dopo alcuni spaventi presi in pista durante le prove libere. Miglioro settimana dopo settimana, quindi ora sono focalizzato sul rientrare a Laguna Seca, un tracciato antiorario che mi facilita molto l’uso del polso destro rispetto a Donington”.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Jonathan Rea ammette: “Chaz Davies è tornato fortissimo”

Superbike 2020: Tom Sykes resterà in BMW

Sandro Cortese, ma come hai fatto a correre conciato così?