Superbike Assen, Prove 3: Marco Melandri al buio “Yamaha aiutami!”

Marco Melandri è sempre più in difficoltà. Nei venti minuti di prova con 3°C Jonathan Rea è velocissimo. Superpole alle 11

13 aprile 2019 - 9:24

Marco Melandri è sempre più in difficoltà: l’affiatamento con la Yamaha, invece che migliorare, peggiora con il passare delle gare e delle sessioni. L’ex iridato ha chiuso i venti minuti di FP3 in 13° posizione con 1’37″237, lontanissimo da 1’35″202 miglior tempo del turno firmato da Jonathan Rea. Il nordirlandese è efficacissimo in  condizioni di pista al limite: si è girato con appena 3°C aria e sull’asfalto! La Kawasaki non scherza: in questa sessione è stata la più veloce sul dritto con 295,9 k/h. Alvaro Bautista ha fatto 1’36″028, quinto tempo: top speed 294,3 km/h. Il ducatista è preceduto di nuovo da Tom Sykes, con una BMW qui estremamente convincente, e dalle Yamaha di Alex Lowes e Michael van der Mark. L’unica R1 che non va è quella di Melandri… Alle 11:00 la Superpole che definirà lo schieramento, molto importante su questo tracciato. Gara 1 alle 14, con forte rischio di pioggia.

MELANDRI: “YAMAHA AIUTAMI!

Sul fronte Marco Melandri non si intravedono spiragli. Dal round precedente ad Aragon il pilota GRT Yamaha è sparito dai radar. Il podio in Australia e i due sesti posti in Thailandia sembrano miraggi. “Dal primo giorno sulla Yamaha ho problemi con il trasferimento del peso” lamenta Marco. “Qui ad Assen è ancora peggio che in Spagna: ho cercato di cambiare la mia posizione in sella ma è anche peggio. Sono in una situazione frustrante.” Melandri ha chiesto una serie di modifiche alla Yamaha, in particolare un serbatoio più piccolo. “Ho un’idea chiara di cosa dobbiamo cambiare. Ho detto a Yamaha le mie richieste, ci stanno lavorando. Ma il primo giorno ero già chiaro che non avevo fiducia nella gomma posteriore. Non sento la gomma toccare l’asfalto. La R1 non volta come vorrei, così perdo la possibilità di sfruttare il mio punto forte. Lowes e van der Mark si sono abituati ai problemi, oppure hanno adattato la loro guida. Io ho zero confidenza. Mi sembra di guidare sul bagnato”.

Foto: Diego De Col

1 commento

marcogurrier_911
11:18, 13 aprile 2019

Basta…..

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Manuel Puccetti: “Se Toprak parte, avremo un altro top rider”

Scott Redding show, uno così farebbe impazzire la Superbike

Jonathan Rea: i giorni dell’IRA