Tom Sykes #NLDWorldSBK

Superbike Assen, Prove 2: Tom Sykes scatena la BMW

BMW super nel venerdi di Assen: Tom Sykes miglior tempo, Markus Reiterberger quarto. Jonathan Rea precede Alvaro Bautista sesto con Ducati: scintille in vista

12 aprile 2019 - 15:57

Tom Sykes regala la prima gioia alla BMW: miglior tempo combinato nel venerdi del quarto round del Mondiale Superbike ad Assen. Andata in pista per la prima volta soltanto il dicembre scorso la S1000RR tedesca è riuscita a sopravanzare proprio all’ultimo la Kawasaki di Jonathan Rea, primatista al mattino. I migliori cinque della classifica sono racchiusi in appena 31 millesimi di secondo: il gruppetto comprende Leon Haslam, con la seconda Kawasaki ufficiale, l’altra BMW del tedesco Markus Reiterberger e la Yamaha dell’olandese Michael van der Mark. Sesto tempo, ma a soli 133 millesimi, per la Ducati dello spagnolo Alvaro Bautista, leader del Mondiale e vincitore di tutte le nove corse finora disputate.

ALVARO BAUTISTA, VENERDI’ COMPLICATO

Il ducatista ha girato poco, operando durante la sessione radicali cambiamenti d’assetto. Solo nell’ultima uscita Alvaro Bautista (qui l’intervista) ha spinto forte, avvicinando le prestazioni di Jonathan Rea, efficacissimo nell’ultimo settore della pista. Il taglio di 250 giri motore imposto dalla Federazione Internazionale dopo il 9-0 dello spagnolo non c’entra, la velocità di punta è ancora altissima (vedi qui i valori di FP1). LaDucati V4R, nonostante il potenziale, è una moto completamente nuova. Era scontato che su tracciati come Assen la ricerca della messa a punto ideale fosse più complicata rispetto ai tracciati già toccati dal Mondiale.  Dove Bautista è stato imprendibile. E’ da vedere se e quanto margine c’è. Gara 1 (21 giri) si corre sabato alle 14 e prima ci sono soltanto i venti minuti della FP3 e la Superpole.

BMW NUOVA ALIMENTAZIONE 

La marca tedesca, approfittando delle concessioni tecniche che il regolamento assegna alle Marche in difficoltà, ha portato in Olanda il comando sdoppiato dei corpi farfallati, dispositivo che ha permesso miglioramenti anche a livello elettronico. Tom Sykes dispone adesso di maggiore potenza ma soprattutto di una differente erogazione. Il resto lo fa il britannico, che qui è sempre andato fortissimo, centrando due vittorie, battendo anche Jonathan Rea a parità di moto Kawasaki. La BMW ha catapultato al vertice anche il 25enne Markus Reiterberger, campione europeo Stock in carica: quarto tempo.

GLI ALTRI 

Continua il momento nero di Marco Melandri, appena 14° tempo con la GRT Yamaha. Con la stessa Yamaha (ma ufficiale) Alex Lowes è caduto due volte, senza danni. Nono tempo per l’altra Ducati di Chaz Davies: la prestazione del gallese, che è anche scivolato al tornante De Strubben in apertura di turno, dimostra che qui la Ducati non è ancora a posto. Rea contro Bautista è un duello che qui può fare scintille…

Foto: Diego De Col

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Superbike, Jonathan Rea

Superbike Argentina: Jonathan Rea non molla, altra doppietta!

Federico Caricasulo

Supersport Argentina: Federico Caricasulo accorcia le distanze

Superbike, Jonathan Rea

Superbike Argentina: Jonathan Rea che sprint, ora sono 84