Superbike, Alvaro Bautista

Superbike, Alvaro Bautista: “Toprak aggressivo, si gioca il Mondiale”

Il pilota Honda HRC non ritiene che Alex Lowes sia un pilota da Mondiale. Toprak invece si, "ma dovrà darsi una bella calmata"

24 marzo 2020 - 8:15

In attesa che si spenga la pandemia e i motori possano riaccendersi, i piloti della Superbike si tengono in forma e disegnano scenari futuri. Alvaro Bautista è giornalmente in contatto coi tecnici Honda HRC: la sede del team è a Barcellona, per cui le attività sono sospese, ma in Giappone si continua a lavorare senza sosta. Là gli effetti del virus sono al momento molto blandi: il governo ha ordinato la protezione dei soggetti a rischio, malati e anziani, ma la vita scorre più o meno normalmente. E’ facile ipotizzare che alla ripresa del Mondiale, Alvaro Bautista si troverà una Fireblade molto migliorata rispetto a quella con cui ha chiuso due volte sesto, oltre ad una  caduta nella Superpole Race.

PHILLIP ISLAND NON DICE LA VERITA’

“Il circuito australiano non è troppo indicativo dei valori in campo nella Superbike 2020” ha spiegato Alvaro Bautista alla spagnola Radio Radio. “Prima del week end di gara ci sono state due giornate di test che hanno permesso a tutti di prepararsi meglio del solito. Per questo abbiamo visto così tanti piloti e moto diverse lottare per la vittoria. Non credo proprio che questa sarà la tendenza.” E’ opinione comunque che nella fase europea i soliti noti torneranno ad alzare la testa, a cominciare dal campione in carica Jonathan Rea.

“TOPRAK AGGRESSIVO”

Alvaro Bautista non si è sottratto a dare un giudizio sugli avversari. Senza tante remore. “Alex Lowes ha molta esperienza, è veloce e guida la moto campione del Mondo (Kawasaki, ndr). Ma non sono sicuro che avrà il potenziale e la continuità per difendere la prima posizione in classifica fino al termine della stagione. Invece vedo molto bene Toprak Razgatlioglu. Già nel 2019 è stato molto veloce, anche se ha fatto tanti errori. Ha rovinato due volte la mia gara, sia a Laguna Seca che a Magny Cours. Per cui sarà necessario che si dia una calmata, ma correre in un team ufficiale gli potrebbe dare più sicurezza. Toprak, secondo me, si giocherà il titolo quest’anno.

1 commento

matteochiarello197_14424442
20:25, 24 marzo 2020

Mi raccomando toprak, segui i consigli di bau bau x vincere il mondiale!!!lui ne sa sicuramente qualcosa dopo l’anno scorso!!GRANDISSIMO

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Superbike, Michele Pirro

Superbike: CIV Michele Pirro firma la rivincita Ducati in gara 2

Scott Redding a Saint Tropez

Superbike, Scott Redding a Saint Tropez prima del test in Catalunya

Superbike, Michele Pirro

Superbike: CIV, Michele Pirro che botto al Mugello (VIDEO)