Superbike, Alvaro Bautista

Superbike, Alvaro Bautista esagerato “La Honda era impossibile da guidare”

Alvaro Bautista rivela quanto fosse preoccupato la prima volta che ha provato la CBR1000RR. "Ma adesso sono convinto di potercela fare"

27 ottobre 2020 - 14:02

“Parlando chiaro, la prima volta che provato  questa mi sono detto: merda, è impossibile da guidare”. Alvaro Bautista ha rivelato a worldsbk.com quanto sia stato difficoltoso l’approccio con la nuova Honda CBR1000R. “Non mi piaceva niente di questa e moto. Durante i test invernali mi sono chiesto: perchè sono qui?” Al debutto in Superbike con la Ducati lo spagnolo aveva firmato sedici vittorie, guidando a lungo il Mondiale concluso al secondo posto dietro Jonathan Rea. Passato alla HRC, ha finito il campionato con un solo podio, un terzo posto ad Aragon. In otto round ha raccolto 113 punti, meno di quanto ne avesse fatti l’anno prima nei due round iniziali in Australia e Thailanda, dominati con sei trionfi su sei.

“Ho pensato che avrei mollato”

Alvaro Bautista ha concluso al nono posto, a pari punti con il compagno Leon Haslam, spesso più veloce di lui nei test e anche in qualche gara.  “Nei test invernali non avevo feeling con la moto, non riuscivo a trovare il limite ed ero tre secondi più lento degli altri; per me è stato un disastro. Ho pensato che fosse la fine della mia carriera; credimi, ero molto, molto preoccupato per questa stagione”. Ma già in Australia, al debutto, il madrileno aveva trovato il bandolo della matassa. “Fortunatamente abbiamo lavorato molto sull’assetto, sull’elettronica e quando la stagione è ripresa dopo il lockdown ho cominciato a sentirmi un pò diverso sulla moto. Ho pensato, ‘wow! Questo è un grande cambiamento! in Giappone  hanno lavorato su elettronica, erogazione di potenza, tutte cose che chiediamo da dopo l’Australia. Abbiamo fatto un grande passo e abbiamo iniziato a guadagnare fiducia.” 

“Se supero il limite, cado”

“Ad Aragon ho visto che avrei potuto lottare per il podio ma poi ho iniziato a superare il limite. Ogni volta che ho provato a stare vicino ai migliori, sono caduto perché sono andato oltre il limite. Ora sono convinto che questo progetto possa arrivare a buon fine, ma all’inizio ero preoccupato”. Avendo in tasca un accordo biennale,Alvaro Bautista continuerà l’avventura con Honda HRC nel 2021. Avrà ancora a fianco Leon Haslam, che è stato confermato.

Foto: Instagram

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Superbike, Kawasaki

Superbike: Test Aragon, quanto andrà veloce la nuova Kawasaki?

Superbike

Superbike: Il calendario Mondiale 2021 è ancora un mistero

Superbike, Andrea Locatelli

Superbike, Andrew Pitt assicura “Andrea Locatelli andrà forte”